Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Dom, Mag
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Luigi Carotenuto. L'amore sfiorato

La vita senza musica è un’angosciante fiera delle vanita’, un esporsi violento senza alcuna partitura su cui danzare. La vita senza musica sarebbe un procedere inconsulto, una voce senza timbro e la ragione del non essere.

Siamo stanchi oggi del rumore eppure, non riusciamo a farne a meno nel disperato bisogno di sentirci vivi. La musica non puo’ sparire perché impressa nella nascita delle stelle, nella centralità del cuore in fermento e in divenire. Sta a noi individui avvertirla e riproporla come un registratore che lavori a piani altissimi tra l'invulnerabilita’ del firmamento e il fragore della terra. Quasi un equilibrista insonne, il poeta musicista si muove tra questi due piani in perenne ricerca di quella terraferma che solo l'amore con le sue perenni oscillazioni può dare.

L'amico di famiglia
L'amico di famiglia

Si fa fatica oggigiorno a parlare di musica e di poesia, di entrambi perché inanellati in un connubio senza fine e il desiderio di trovare ascolto è una chimera che soffre nella frenesia del tempo.

L'autore che voglio proporre quest'oggi non ha un'anima arricchita dei costumi eccentrici della vita È un dolce fiore che spunta in una nebbiosa Milano tra il marciapiedi e l'asfalto, che pochi a ccarezzano con lo sguardo e nessuno ha ancora colto. E’un raggio di sole in un mattino stantio. Luigi Carotenuto, milanese di adozione ma siciliano di nascita e di animo, ha la musica nel cuore e con le ali del suo pianoforte che maneggia abilmente descrive cerchi nella realtà interiore, vi si tuffa e poi si eleva nella danza delle parole, come un martin pescatore che prenda libero la volta del cielo.

Vi porto via
Vi porto via

La voce di Luigi libra sulle note delle poesie, veri fraseggi di musica, lasciando disperdere il tentativo di cogliere quella linea di demarcazione che separa l'arte verbale dalla musica. È un concentrato di esperienze dell'anima ogni suo singolo componimento che afferra nel conciso il messaggio di un'interiorita’ ritratta dalle esperienze e che rimane straordinariamente integra. Limpidezza e unità sono doti rare oggi, eppure in entrambe le raccolte 'L’amico di famiglia' e 'Vi porto via' pubblcate da Editore Prove d’Autore-Catania si avverte congiuntamente al suo essere anacronustico e garbato una forte fiducia nel mondo esterno. Ha il passaporto del vero autore Luigi, in grado di farlo partire con la certezza che ad ogni volo c'è un ritorno e che l'anima è pronta a riaccoglierlo.