Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 193 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il piano immaginifico e l'identita' del Mito

Il piano immaginifico e l'identita' del Mito

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La trasposizione sul piano immaginario dei sentimenti è connaturata all'uomo e nasce dalla necessità di modellare l'esterno per renderlo fruibile oltre che addomesticabile, partendo dal proprio centro.

Miniatura (1345) di Bartolomeo de' Bartoli
Miniatura (1345) di Bartolomeo de' Bartoli "Lucio riprende la forma umana"

L'uomo ricerca Dio nella proiezione all'esterno di se stesso. Con l'Assoluto si sforza di relazionarsi, a Lui affida le risposte che non è in grado di darsi. Che le deità siano a prescindere dalla formulazione psichica dell'uomo e dalla collocazione su un piano di superiorita'interna o esterna, trova conferma nella cultura radicata nel l'uomo, archetipica o cultura vergine, ossia indipendente dalle sovrastrutture assimilate successivamente nel tempo.

Le immagini di Dio sono un'estrinsecazione immediata ed estetica di quel groviglio di pulsioni e sentimenti a cui l'uomo ha cercato di dare ordine dentro di sé. I concetti elementari sorgono dalla necessità di scrostare la realtà interiore liberandola del superfluo, per giungere al concetto puro. Fare ordine ai preamboli della civiltà significava proprio questo: liberare la psiche di tutto quel materiale aggiunto per dare spazio a pulsioni e pensieri che si rivelassero nella loro scintillante elementarietà. E' straordinario che quanto più l'uomo si evolvesse nel percorso della civiltà, tanto più incalzasse la necessità di proiettare all'esterno pulsioni e sentimenti che lo rappresentassero nella sua nuda e sglossata primordialità. E' quanto noi rileviamo dall'analisi delle raffigurazioni rupestri e dalle prime rappresentazioni pittoriche di scene propiziatorie, così come nel recente Dadaismo

E' cosi che nasce la cultura del Mito.

Le trame tortuose e complicate tracciano la mappatura dello sviluppo psico culturale dell'uomo, mentre la personificazione oggettiva dei sentimenti fanno brillare di autenticità le pulsioni interiori che grazie al preliminare lavoro di ordine si permeano di universalità. Il linguaggio del Mito espime pertanto semplicità e raffinatezza che simbioticamnte porgono un efficace sistema di apprendimento a piu livelli, e diventa emblema di riferimento delle culture civilizzatesi sulla strada della razionalità, come quelle greca e latina.

Metamorfosi
Metamorfosi

Le Metamorfosi, chiamate anche L'asino d'oro dello scrittore mago Apuleio di provenienza africano e rappresentante di spicco della cultura latina del II sec. d.C., evidenziano la potenza propria del Mito di rendersi eloquente in virtù della capacità di andare oltre i connotati tangibili e di traslare sul piano letterario le linee guida di un percorso di consapevolezza che l'uomo ha intrapreso verso se stesso. Il cuore del romanzo dal precipuo carattere alchemico iniziatico è costituio non a caso dalla narrazione del mito di "Amore e Psiche" con cui Apuleio descrive il periglioso quanto necessario processo di purificazione dell'anima per ritrovare la sua essenza divina, acquisita a conclusione del viaggio come vera e propria conquista.

Il Mito è di per sé un'opera magica di riesumazione del proprio substrato che, adottando il linguaggio ermetico dei simboli, puo' trasfigurare l'uomo stesso e ricondurlo tra le braccia della primordiale saggezza.











Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2