Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Dom, Lug
0 New Articles

Abbiamo 216 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Rino Gaetano, un genio scomodo

Rino Gaetano, un genio scomodo

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ci sono cantanti che non si sono limitati a dare un volto alla loro epoca, ma hanno contribuito a tracciare il cammino delle generazioni future.

Rino Gaetano, un genio scomodo
Rino Gaetano, un genio scomodo

 

Gli anni ‘70 hanno rappresentato un momento di svolta anche per la musica italiana cantautoriale. La contestazione del '68 era stata anticipata da una euforia ribelle che ha separato radicalmente la canzone melodica tradizionale da quella giovanile accompagnata da un look trasgressivo. Alla popolare Orietta Berti già considerata fuori tempo, si affiancavano nuovi cantanti che avrebbero rivoluzionato il mondo musicale. La Caselli e la Pavone congiuntamente alla ben più grintosa Patty Pravo hanno dotato di nuovi stimoli la canzone italiana. Fuori dagli schemi risulteranno a cavallo degli anni ‘80 la Berte’ e Renato Zero, la prima per aver introdotto  nella canzone italiana i timbri della musica nera, il secondo per aver inserito  temi e linguaggio ritenuti scandalosi in un’epoca in cui divorzio e aborto scaldavano il clima politico. La grande svolta però, arriva con Il Crotonese Rino Gaetano. Egli con la sua inseparabile chitarra tocca e porta alla ribalta temi  pronti a scalfire il sistema politico già compromesso di quegli anni con l’aggiunta di toni dissacranti rivolti a stereotipi che faticano tuttora ad arretrare. Rino Gaetano si dimistra da subito un genio sotto tutti gli aspetti e per la sua aria apparentemente burlona che pero’ dietro orecchiabili canzonette sembra lanciare messaggi mirati che i giovani  accolgono rispecchiandovisi. E cosi’ alla scanzonata “Gianna” presentata a Sanremo nel 1976 e alla piu’ pacata “Sfiorivano le viole” si accostano motivi a dir poco scomodi per i media di quel tempo al servizio di una rigida ideologia politica. Erano gli anni di piombo e Rino Gaetano nella sua spontanea virtuosita’ attraversera’  i cieli della musica italiana come una rapida cometa  che si estingua nel buio della notte. Il tragico incidente che siglera’ la sua fine accendera’ i riflettori su retroscena inimmaginabili e inquietanti, sollevando dubbi circa le circostanze della sua morte.

In occasione della festa patronale di Sant’Antonio ad Amantea e’ stata invitata a esibirsi la tribute band ufficiale delle canzoni del grande Gaetano. Elemento di punta della band e’ proprio Alessandro, il nipote da parte di madre del cantante. Prima del concerto ho colto l'occasione di avvicinarlo sotto il palco per rivolgergli alcune domande.

Alessandro, com’erano i rapporti tra tuo zio e Crotone?

“Mi duole dirlo, ma erano inesistenti. Crotone non ha mai mostrato alcun interesse verso mio zio che li’ quando tornava sì sentiva un estraneo. La stessa situazione tocca a me. Tutti sanno chi sono, ma l'accoglienza dei Crotonesi anche quando ho suonato con la mia band e’ stata fredda.”

Nemo propheta in patria, mi viene da pensare ma mi trattengo dal dirlo e proseguo con l’intervista.

Rino era ritenuto da tutti un personaggio scomodo?

“Esatto -mi apostrofa il nipote- nessuno nell’ultimo periodo della sua vita lo invitava piu’ alle trasmissioni televisive. Lo avevano isolato a causa dei testi provocatori. Se la prendeva con i partiti, la Massoneria. Toccava tasti dolenti cercando di aprire gli occhi attraverso la sua musica.”

Alessandro, a questo punto ti rivolgo una domanda. C'è chi sostiene che l'incidente sia stata la simulazione di un attentato prestabilito.  Cosa ne pensate a  riguardo tu e la tua famiglia?

“Sappiamo che qualcuno sta facendo circolare queste voci, ma noi non le appoggiamo assolutamente” mi risponde lui secco. E prosegue. “Mio zio e’ morto in un incidente. Le altre sono solo chiacchiere. Io e mia madre non condividiamo assolutamente la versione che alcuni giornalisti stanno fornendo,così come abbiamo preso le distanze dal ritratto di mio zio che è emerso dal film di Carlo Santamaria, un bel film, fatto bene, ma il personaggio che ne viene fuori non è Rino.”

A questo punto non ho altro da aggiungere. Parte il concerto e un pensiero si affaccia. Qualunque sia la verita’, sono sicura che le  canzoni del genio Gaetano continueranno a camminare e a parlare a tanti giovani che ora come ieri perseverano a lottare contro le storture, ricorrendo anche alla musica capace di arrivare al cuore della gente.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 750 x 350
article-botton
Annunci AdSense
art-bot
Annunci CT Partner
article-botton

Seguici anche su Facebook

Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 240 x 400
sidebar
Annunci Zanox
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
home 2
Ti potrebbero interessare anche:
home 2
Annunci AdSense
home 2
Annuci CT Partner