La nuova Europa tra sovranismi e nazionalismi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mar, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

La nuova Europa tra sovranismi e nazionalismi

La nuova Europa tra sovranismi e nazionalismi

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E come volevasi dimostrare, in Italia ha vinto Salvini. Ma è  proprio così?

La nuova Europa  tra sovranismi e nazionalismi
La nuova Europa tra sovranismi e nazionalismi

 

Il quadro che si presenta dopo le ultime Europee qui in Italia è  sconfortante nonostante la vittoria di Salvini. La nazione mostra la sua fragilità capillare da Nord a Sud con un territorio variegato e mal assemblato, affatto unito.

Milano e Roma nelle comunali passano al PD segno dell'ingovernabilita’ delle due capitali, la prima economica, la seconda amministrativa, alla luce delle forti crepe gia' esistenti aggravate dall'insuccesso di una latitante politica d'integrazione. Il dato drammatico che viene fuori è  la vittoria proprio di quelle forze a sostegno della politica immigrazionista.

Quali le cause? Sicuramente il frastagliamento di vedute in seno al M5S ha danneggiato Di Maio e i suoi, comportando una traslazione di voti a favore del potenziale nemico in realta', per vedute, il PD di Zingaretti, l’unico vero alleato. Gli slogan sull'onesta' sfoderati da Di Maio non sono riusciti a velare gli occhi a quanti sono stati in grado di vedere oltre gli sbandieramenti retorici di chi si poneva a rotta di collo a favore del cambiamento che di fatto ha negato nella vacuità di idee.

I principi stanno trionfando nel bene e nel male. Così come i nazionalismi, i veri embrioni del cambiamento europeo, a iniziare dalla vittoria incassata dalla lady di ferro francese Le Pen. Colpo duro dei Greci inferto a Tsipras a seguito del forte indebitatamento nei confronti dell’arcigna Germania che si riconferma leader con la Merkel, nonostante la sensibile ascesa dei Verdi riscontrabile in tutti i Paesi dell'Eurozona. Orban si posiziona al 56% in un’Ungheria sempre più  antagonistica alle direttive europee, mentre Farange in Inghilterra si porta al primo posto con la sua ideologia antieuropeista.

In conclusione, si può  parlare  di  rivalsa dei Nazionalismi, ma non c'è  trionfo dei Sovranisti. L'Eurozona rimane saldamente ancorata alla sua ideologia capitalistica che fa della BCE il suo nucleo  rappresentativo.

Ritornando in'Italia, qui i sovranisti non incassano alcuna vittoria se si pensa che le forze politiche contrapposte al nazionalista Salvini, includendo i Pentastellati, sommate, di poco rimangono sotto le fazioni di Destra capitanate da Lega e FdI. Ancora una volta l'Italia sta rivelando recrudescenze politiche pregresse penalizzando sempre le solite aree che, pur di ottenere  un contentino misero, si lasciano abbindolare dal politicante che dietro le quinte trama a loro sfavore. È quanto emerge dal voto delle Europee al Sud. Qui la Lega vince ma non trionfa, segno questo di quanto la politica assistenzialista del Meridione non sia un retaggio lontano, bensì  una realtà capace ancora di resuscitare fantomatici entusiasmi nell'immaginario collettivo di questo popolo. Uno storico risultato riporta la Lega a Riace simbolo del fallimento immigrazionista rappresentato da Lucano, e a Lampedusa dove gli sbarchi si susseguono.  Un trionfo laddove il RdC  porta un grande successo di eco alle Sinistre che nelle Comunali si riconfermano a Bari con la rielezione di Decaro.

Cosa accadrà da domani in poi in un Paese il nostro, abituato agli inciuci e alle alleanze sottobanco? Una maggiore trasparenza auspichiamo tutti nella speranza ancora una volta che non sia il cittadino medio il vero tartassato da una politica fiscale che finora ha pressato con richieste senza un ritorno effettivo in adeguati servizi. E comunque  sia, la battaglia si è  appena aperta.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001