Dal caso Rackete alle tensioni con l'Europa. Analisi e riflessioni con Salvatore Sparapano
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Gio, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Dal caso Rackete alle tensioni con l'Europa. Analisi e riflessioni con Salvatore Sparapano

Dal caso Rackete alle tensioni con l'Europa. Analisi e riflessioni con Salvatore Sparapano

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quanto è  accaduto la scorsa settimana in merito  alla capitana Rackete e alla Sea Watch è senza precedenti e rischia di rappresentare il punto di  un nuovo inizio per l'Italia e i suoi rapporti con l'Europa.

Dal caso Rackete alle tensioni con l'Europa. Analisi  e riflessioni con Salvatore Sparapano
Dal caso Rackete alle tensioni con l'Europa. Analisi e riflessioni con Salvatore Sparapano

 

Quello che sembrava uno dei tanti capitoli del lungo romanzo che vede protagonisti immigrati e Ong è  evoluto in un percorso tutto suo portando alla ribalta misteri di una politica italiana mal affrontata e le crepe con un'Europa del tutto convinta a proseguire secondo la linea dura del trattato di Dublino. Le faglie del governo nazionale sono evidenziate da una propaganda deragliatrice che di proposito evita di mettere a fuoco i temi più urgenti e i fatti realizzati. La politica del fare sembra  sempre più  lontana, camuffata da fittizi consensi e drastici divieti che dietro un apparente inasprimento dei Sì e dei No non presenta nulla di buono. E intanto l'Europa alza il passo distanziandoci. Proprio di questo parlerò con Salvatore Sparapano, noto avvocato civilista del Foro di Bari, e politologo.

Avvocato Sparapano, cosa è successo di nuovo e di clamoroso la scorsa settimana?

“Di nuovo c'è che Francia, Germania e Lussemburgo per uscire dalla situazione di stallo in cui si era trovata la Sea Watch, si erano offerti di accogliere pro quota 42 migranti, cosa mai accaduta prima.”

La vicenda della capitana si è impressa nell'immaginario collettivo al punto da adombrare tutte le conseguenze delle scelte governative. È così?

“È giusto  precisare che Carola Rackete è comandante di nave sulla nave e capitano a terra. Al di là delle ripercussioni a livello mediatico del caso, i fatti dicono che la Rackete  il 28 giugno, ossia il giorno prima dello sbarco a Lampedusa, aveva ricevuto dalla GdF la notifica dell'iscrizione tra gli indagati, nonché contestualmente l'invito a presentarsi presso la tenenza della GdF per rendere l'interrogatorio davanti al Magistrato l'indomani alle ore 9. Bisognerebbe comprendere come la Comandante abbia interpretato l’invito, in quanto lei non era in diritto, da Comandante, di abbandonare la nave in navigazione. Proprio nella notte tra venerdì e sabato la Rackete comunica la decisione di violare il divieto ad entrare nel porto di Lampedusa.”

Quali sono quindi le conseguenze determinate dalla decisione della Rackete?

“La conseguenza degna di nota è l'interessamento della Germania al caso, che ha messo in imbarazzo i politici tedeschi. La questione  per essere meglio compresa va posta in parallelo a quanto stava accadendo a Bruxelles. Da tenere conto il fatto che in seguito a questa vicenda  è saltato il nominativo di Timmermans molto considerato dai Paesi della leadership europea e invece inviso da Salvini e dai Paesi del Patto di Visegrad.”

Da quanto lei sostiene sembra quasi che la politica di Palazzo qui da noi agisca a porte chiuse, vero?

“Quando si tratta di concordare questioni delicate, è  normale a mio parere che si rimanga lontani dai riflettori.”

Conte risulta sempre più isolato dalle scelte di Governo, vero?

“La posizione di Conte in effetti è delicata. Mentre Francia, Lussemburgo e Germania  proponevano  la ripartizione dei migranti, Conte era a Bruxelles e colloquiava con Merkel e Macron per accordarsi sulle nomine dei rappresentanti e dei commissari  della commissione europea,  della BCE e di altre istituzioni affini. La conseguenza di tutta questa vicenda è stata l'estromissione del Paese dai ruoli di potere all’interno della leadership europea. L'Italia si è  dovuta così accontentare della Presidenza del Parlamento europeo assegnata a Sassoli.”

Lei pensa che a lungo andare si farà chiarezza sulla vicenda degli sbarchi?

“Onestamente ho dei dubbi poiche’ quanto è accaduto gli scorsi giorni a Lampedusa accade da mesi, anche se questa volta la Rackete era al comando di una nave Ong. L'opinione della gente ormai è  cristallizzata.”

Ora che l'Italia è stata messa nell'angolo quali le conseguenze?

“Prima di avanzare previsioni, sarebbe giusto analizzare le intenzioni di Francia, Germania e Lussemburgo in procinto di disinnescare uno scontro politico diplomatico tra Italia e Germania. Tutto questo prima che esplodesse il caso Rackete.”

Alla luce di quanto da lei ora affermato, quali sarebbero gli obiettivi di Salvini?

“Salvini ha cercato di far saltare i colloqui tra l'Italia e la Francia, la Germania e il Lussemburgo  e ci è riuscito. Infatti, dopo l'incidente di sabato a Lampedusa è scoppiata la crisi diplomatica tra le tre nazioni su citate e l'Italia. Necessariamente Conte si è  trovato nella condizione di prendere posizione a favore dell'Italia, facendo retro front su quelle che erano le sue intenzioni iniziali, e di colloquiare con tanto di foto ricordo con i rappresentanti dei Paesi del Patto di Visegrad.”


Il disegno che emerge è quello di un'Europa tenuta in vita dall'asse Francia, Lussemburgo, Germania e di un'Italia sempre più  isolata e abbandonata a se stessa.

Cosa augurarsi? Innanzitutto,  concordamente al pensiero dell'avvocato Sparapano, di continuare a seguire la pista dell'informazione capace di fornire giuste analisi e  valutazioni, tenendosi lontani dai depistanti discorsi da bar purtroppo sempre più diffusi anche in rete.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001