L'INTERVISTA. Il lato sensibile della rete. Fabio Podesta' e la sceneggiatura online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Gio, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

L'INTERVISTA. Il lato sensibile della rete. Fabio Podesta' e la sceneggiatura online

Fabio Podestà

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 Il virtuale è  una realtà  a disposizione di  tutti, irrinunciabile e imprescindibile ma al tempo stesso ancora inesplorata. Le potenzialità che riserva sono al vaglio del comune cittadino che, in base alle proprie necessita’, lo vive come un mezzo necessario all'espressivita' ed emancipazione della propria creatività. 

Fabio Podestà
Fabio Podestà

 

Tra coloro che attribuiscono al virtuale un valore di completamento alla propria attività artistica è sicuramente Fabio Podestà, sceneggiatore, che ha pensato bene di diluire la sua serie Segreti di carta in piu’  puntate, al momento 264, pubblicandole online.

Fabio, come nasce la tua passione per la sceneggiatura?

“Sicuramente da ragazzo, dopo il diploma. Quando studi, sei obbligato a utilizzare la scrittura e le parole e questo senso del dovere in me ha offuscato la potenzialità che esse possiedono,  potenzialità che  ho scoperto  solo dopo il percorso di studi. Mi ha aiutato in questo l'esperienza di ascolto di un programma della radio locale a cui partecipavano diversi speaker miei amici. Ognuno di loro aveva e rilasciava al programma la sua impronta particolare ed era come se narrasse una storia. L'insieme di queste storie ha costituito il punto di partenza per il mio lavoro di sceneggiatore. Le prime esperienze  sono state raccontini gialli in cui ho inserito i loro nomi.”

Molto bello come slancio iniziale, Fabio. Come sei diventato  blogger?

“In un certo senso  lo sono diventato per necessità. Purtroppo il trasferimento delle mie puntate alla rete incontrava spesso problemi  nell'applicazione, allora ho pensato bene di aprire il blog collegato  al mio profilo di Facebook.”

Fabio, sfogliando i dialoghi della tua sceneggiatura  “Segreti di carta" colpisce la semplicità e immediatezza che li rendono quasi fotografici. Sono i personaggi a ispirare i dialoghi o viceversa?

“Direi che s'influenzino a vicenda. Purtroppo il lettore non coglie il lavoro, lo studio, la fantasia che vi è dietro e vede solo il lavoro finito. Io scrivo sui quaderni e poi inserisco i dialoghi in rete.”

È bello, Fabio, che tu abbia conservato la manualità nella stesura dei tuoi lavori. Come questi si articolano?

“Le mie sceneggiature  sono molto varie nella trama e nell'avvicendarsi dei personaggi. In ”Segreti di carta" sono tante le vicende. Le prime sei serie vedono protagonista una famiglia molto ricca. Poi, morti i personaggi, ho in un certo senso ricreato la storia e cambiato i soggetti in gioco.”

Ti consideri un sognatore?

“La sceneggiatura è una forma d'arte e chiunque crei arte è un sognatore. Anche io lo sono, ma cerco di mantenere sempre i piedi per terra.”

Sicuramente. C'è un  messaggio annidato dietro i tuoi dialoghi, che cerchi di comunicare?

“Il mio messaggio  è  quello di rendere palese ciò che  so fare. È  il mio lavoro scrivere sceneggiature e cerco di essere trasparente  il più possibile.”

Fabio, sorprende la tua schiettezza che con disinvoltura evidenzi nei tuoi lavori. Non e' da tutti essere trasparenti in un mondo cosparso di lati oscuri. A quale pubblico ti rivolgi quando scrivi?

“Io personalmente non ho un pubblico ben definito. Le mie storie sono varie, di conseguenza lo sono anche i lettori.”

Tu sei uno sceneggiatore  di  professione. Ci sono registi che hanno attinto alle tue sceneggiature per i loro film?

“Onestamente non lo so. Tempo fa mi fu chiesto  di collaborare  come sceneggiatore a una miniserie, ma ho rifiutato per non sacrificare il mio blog. A breve partecipero’ a una miniserie sul web a cui parteciperanno attori conosciuti e meno noti perché  mi  piace una collaborazione a più  livelli rivolta a tutti coloro che sanno recitare, non necessariamente attori famosi.”

Fabio, il tuo è  un lavoro che invoglia a  sognare. Allora io ti chiedo,  e’ più  importante  sognare o far sognare?

“Indubbiamente per me è  più  importante far sognare con le mie storie che comunque  si mantengono su un piano di concretezza, in quanto legate alla realtà. Io non scrivo  fantascienza, bensì attingo a vicende di tutti i giorni.”

Ultima domanda. Per te che scrivi che cos'è  l'amore?

“L'amore per me è  tutto e il contrario di tutto. Non c'è una definizione dal momento che puo’ essere buono o cattivo. L'amore ti spinge a fare cose impensabili, porta alla ribalta il lato della tua persona sconosciuto e indesiderato. Puo’ essere crudele nel momento in cui ti spinge ad uccidere,  facendoti perdere il contatto con te stesso.”

Interessante   questa definizione in linea con quanto tu racconti nel tuo blog. Forse è  proprio per quanto tu hai detto e illustri con i tuoi lavori,  che  per te l'amore non può avere una definizione. Esso rimane il mistero più alto finanche per se stessi. Eccessivamente sincero  come tutti i tuoi scritti capaci di indurre a riflettere, al di la' del bene e del male.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001