Votare a sedici anni, ma si puo'?!
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Gio, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Votare a sedici anni, ma si puo'?!

Votare a sedici anni, ma si può?!

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E così, oltre all'eliminazione dei Crocifissi dai luoghi pubblici, alla tassa sulle merendine... un'altra trovata che sarebbe troppo chiamare proposta arriva dall'attuale governo giallo rosso. Abbassare la soglia d’età a sedici anni  per gli aventi  diritto  al voto.

Votare a 16 anni, ma si può?!
Votare a 16 anni, ma si può?!

 

La proposta sta per varie ragioni riscuotendo diverse critiche e sembra scaturire dal fenomeno mediatico di Greta Thunberg la quale alla precoce eta’ di diciassette anni tiene banco nelle convention mondiali su clima e ambiente. La gioventù di oggi appare quindi alla massa intelligente e  coscienziosa al punto di occuparsi di quell'attualità  seria che un tempo,  salvo qualche caso raro, era appannaggio degli adulti.

Ma è proprio vero? Al di la’ di scioperi e slogan quanti adolescenti possiedono oggi, nell'era della distopia virtuale, una visione nitida e reale di quanto accade? Non sono forse loro le prime vittime della  confusione odierna che travolge il sociale? Tutti si lamentano del nichilismo giovanile che, salvo qualche rara eccezione mortifica adulti e non solo, a incominciare dagli insegnanti spesso nella scomoda condizione  di dover sopperire alle carenze di quei genitori sempre più  latitanti. E allora, quali le ragioni di questa proposta?

L'adolescenza, il mondo liceale pullulano di sogni e aspettative che vedono spesso un coinvolgimento emozionale incapace di dare le giuste risposte a interrogativi  spesso destinati a rimanere insoluti tutta una vita. Il desiderio di anarchia,  di svecchiamento, di delineare e alimentare una identità  in fieri che non ha nulla a che spartire con i precetti impartiti dalla tradizione, sono le vibranti molle di un incantato attivismo che si fa spazio tra i giovani spesso troppo giovani in quanto a maturità, per trarre giuste elaborazioni da testi di autori e filosofi impossibilitati a tramontare. L'idea di libertà sposa un ideale di trasgressione e sbriciolamento di quei muri,  non sempre necessario per misurarsi con la novità e il cambiamento. La violenza spesso  si  accompagna all'imposizione  delle proprie idee carenti di quel confronto dialogico oggi difficile da costruire anche in età  avanzata. Diciamolo, i giovani di oggi sono intolleranti a regole e costumi predefiniti e vanno alla ricerca di quel nuovo e inappagabile  da raggiungere. L'anarchia diviene espressione  di un volo oltre ogni ostacolo e responsabilità, spesso capitolante in un destino mortale.

Non c'è adolescente che non abbia desiderato almeno una volta di partire verso una meta indefinita e di non tornare più. Non c'è adolescente che non abbia ambito al confronto col diverso almeno una volta perché le pareti di casa gli stavano troppo strette, che non abbia desiderato una vita da girovago, chitarra in spalla con cui voltare le spalle al mondo... Non c'è  adolescente che non sia Comunista, perché  essere comunisti significa a quell'eta' essere liberi.

Allora, detto ciò, a chi giova approfittare del voto giovanile? Sicuramente proprio alle Sinistre in vigore al Governo che si sentono venir meno la terra sotto ai piedi per colpa di una politica fin troppo estroversa che non intercetta l'elettorato maturo. Tra fallimenti vari dal fronte dell'immigrazione  a quello che prevede l'obbligo della moneta elettronica inaccessibile soprattutto per gli anziani e per quei genitori che non rinunciano a concezione vecchio stampo dei modelli formativi, l'unica speranza per non tramontare nella tempesta è  captare gli adolescenti già  ammorbiditi  dalla figura di Greta presa a modello.

Allora c'è da stare veramente in guardia e non lo dico da persona restia ai cambiamenti. C'è  da stare attenti perché  quei ragazzi incapaci perché  viziati, di formulare un sano contraddittorio senza chiedere elargizioni in cambio, un giorno chiederanno un conto amaro che la nostra società  così  travagliata sarà  incapace di saldare. Mai approfittare dei deboli, perché  quei soggetti deboli per qualcuno in quanto strumentalizzabili, nascondono un lato da leone che aspetta il giusto momento per essere svegliato e qualora accadesse, siglerebbe la fine senza alcuna alba per tutti.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001