I fondi per Venezia nella societa' dei conflitti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mer, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

I fondi per Venezia nella societa' dei conflitti

I fondi per Venezia nella società dei conflitti

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Furbescamente alcuni, ingenuamente altri, tutti stiamo contribuendo a dar vita alla civiltà  delle sopraffazioni generate dai conflitti.

Canaletto - L'ingresso al Canal Grande di Venezia
Canaletto - L'ingresso al Canal Grande di Venezia

 

Se alcuni intellettuali, come lo scrittore Camilleri, in riferimento al tempo di oggi, hanno usato il vocabolo odio, io preferisco  utilizzare la parola conflitti generati da ignoranza e interessi. Non c'è odio perché  estinto è l'amore, il suo contrapposto. L'individualismo di oggi sta stravolgendo i pilastri della logica sui quali abbiamo impiantato  la nostra civiltà  ed è  così  che al presente il riflesso conta più  del soggetto in questione, l'illuminato più della sorgente di luce, la vacuità  ben apparecchiata più  della sostanza. Si preferisce parlare di enti sborsasoldi e non di entità  perché  si presume di avere tutto sotto controllo, incluso il passato oltraggiato e vituperato e altrettanto ripatinato nell'ottica di una lettura che fa più  comodo ai disagiati, ossia a coloro che sono incapaci di mettere la mano sulla propria coscienza nonché dignità, e rimboccarsi le maniche.

La Storia è lo specchio della responsabilità  dei popoli che hanno costruito azioni e lanciato idee. Si può  alterare, ma ad ogni modo le cose tornano a significare nel rispetto del loro valore autentico. Cosa geneticamente è stato tramandato a noi Meridionali, dell'attualmente decantato Ottocento? Le contestazioni che il Sud muove verso il Nord sarebbero talmente povere di  contenuti da scadere nel puerile, se non fosse che nascondono la pericolosità di innescare gravi e ingovernabili conseguenze. Nel marasma planetario che coinvolge l'Italia ci mancava solo la frammentazione ulteriore di vedute e valori aggrappate a un contesto geografico di per sé travagliato, capace di fare leva sulla tradizione di una storia sbagliata che serve a infondere una mentalità ostile all'unità e propensa alla mortificazione del senso di nazione e partecipazione comunitaria. In base a quanto qui espresso, mi rifiuto quindi di interpretare la differenza di trattamento tra Venezia e Matera, entrambe piegate dal maltempo come la conferma della latitante considerazione del Sud,  bensì  come l'esito dettato dal confronto tra due realtà diverse, la prima lagunare e la seconda solida, figlia della pietra. L'acqua rende precaria ogni cosa, e difficile da recuperare ovunque, a maggior ragione lì  dove  vacilla perché  costruita nel mare. Venezia rischia di affondare e con lei l'unica testimonianza al mondo di una convivenza controversa tra corpo e liquido che ha  dato ispirazione a esempi unici di arte e poesia. Con Venezia sparirà la misura della fragilità  con cui l'uomo, anche se distrattamente, continua a confrontarsi e che rende sacro e vero ogni suo operato in questa vita.

Il dissenso armato dai meridionali contro i fondi per Venezia è motivato dalla notizia che il Mose è stato pilotato dalla Lega. Notizia vera in parte perché Prodi e i suoi di certo hanno partecipato alla spartizione della torta. E che dire dei Movimenti indipendentisti del Sud che sbraitano contro il Nord quando dovrebbero sbranare gli amministratori del Sud incapaci di gestire territorio ed economia? Ma sì, mentre c'è chi parla di Ius Soli reclamando .modernità ed evoluzione, ci sono quelli che vorrebbero tornare indietro di trent'anni ed edificare un muro separatista tra Nord e Sud. Magari gli stessi che vorrebbero porti aperti e Ius Soli.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001