Le Due Sicilie, la fine di un Regno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Le Due Sicilie, la fine di un Regno

La data di oggi, la fine di un Regno

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La stella Polare è il perno intorno a cui gira nell'arco di tutto l'anno la costellazione dell'Orsa Maggiore o Grande Carro, ispirando le culture dell'emisfero boreale.

the big dipper
the big dipper

 

La ricostruzione dell'intero percorso rivela il simbolo dello Swastika presente nelle culture dell'emisfero settentrionale collocate a diversa latitudine e longitudine, quasi fosse l'elemento di comunione tra loro. Pochi comprenderanno il valore astrale di questo disegno in rapporto ai corsi storici che hanno deviato e orientato il cammino dei vari popoli europei, nonché il cammino di quei popoli che hanno fatto la storia della nostra Penisola.

Il video in copertina induce a profonde riflessioni sulla data che commemora la fine del Regno delle Due Sicilie avvenuta in quel lontano 1861 e legata a pagine di storia tra le più drammatiche che si ricordino. Di sicuro non saranno i fanatici meridionalisti soliti accusare il Nord di aver dilapidato il Sud a cogliere lo spessore del video. Saranno pure giuste, anche se in parte, le motivazioni addotte a questo che appare un pericoloso fenomeno razzista al contrario. Di certo, e lo ribadisco anche in questo articolo, non si campa sparando fango sugli altri o facendo giustificazionismo salottiero, né tanto meno dietrologia allo scopo di lasciare le cose nel loro atavico immobilismo. Sulla fine dello Stato Meridionale delle Due Sicilie mi duole leggere commenti di chi si ritiene meridionalista ma evidentemente con la benda sugli occhi, perché una cosa è certa, qui al Sud preferiamo scaricare la colpa sugli altri anziché diventare artefici del nostro Destino. Un'operazione questa che comporterebbe impegno e sacrifici.

L'Illuminismo e il Romanicismo qui non hanno mai attecchito e si è passati direttamente al Verismo e al Neorealismo ai quali affidare una diacronica visione del presente mai sgravato dai limiti di un Feudalesimo mai totalmente archiviato e tuttora dannoso. Senza autocritica si diventa parassiti autolesionisti, pedissequamente sostenitori di una politica che fa del saccheggio del territorio e del vassallaggio la propria bandiera. Siamo gli ultimi perché vogliamo esserlo in un'epoca che reclama la conservazione delle radici, di quelle radici che non glorifichiamo di certo con l'atarassia.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001