Riflessioni sul Coronavirus e sui nuovi scenari speculativi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Riflessioni sul Coronavirus e sui nuovi scenari speculativi

Riflessioni sul Coronavirus e sui nuovi scenari speculativi

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non può esservi dignità di popolo al di fuori del concetto di Patria e la speculazione su detergenti e mascherine, a causa dell'epidemia da Coronavirus, lo dimostra.

Riflessioni sul Coronavirus e sui nuovi scenari speculativi
Riflessioni sul Coronavirus e sui nuovi scenari speculativi

 

Qui in Italia ognuno procede per proprio conto perché non esiste un concetto di morale che andrebbe invece inculcato proprio dalla politica. La morale che parta dall'uomo e ad esso venga indirizzata è possibile laddove esiste una comunione d'intenti, cosa che attualmente da noi non si verifica ed è sconosciuta da sempre. Siamo un'accozzaglia di placche geologiche in lotta tra loro, e noi come popolo, lo esprimiamo appieno attraverso scelte ideologico politiche alle quali seguono fatti e decisioni catastrofici. Addentrandoci nel discorso Covid 19 stando alle ultime proiezioni giornalistiche sembrerebbe che il virus l'avesse inventato l'Inps, perché colpisce le persone della terza età.

Sembra altresì che sia stato inventato in laboratorio, in Cina probabilmente, non così distante da noi. Perché quindi escludere una base di manipolazioni di laboratorio proprio in Italia, dove latita una coscienza di unità come popolo, nonché una coscienza economico politica? Il buonismo ci sta regalando comportamenti dissacranti per un popolo dalla cristianità millenaria, per il quale il soldo e l'etica affaristica sono da considerarsi al di sopra di ogni ideale e valore. A chi potrebbe dunque far comodo l'epidemia?? A tanti sicuramente, approfittando della disgregazione territoriale che comporta lotte interne e campanilismi mai realmente superati e sconfitti.

Sono tanti i fattori responsabili della grande espansione dell'epidemia a incominciare dal contenimento della popolazione su scala mondiale che proprio nelle aree economicamente disagiate raggiunge picchi di natalità elevati senza che un Governo solido e autorevole se ne occupi. Prima ho citato l'Inps qui da noi, perché spesso si fa riferimento alla mancanza di fondi disponibili all'erogazione delle pensioni di anzianità. Allora? I primi a subire l'epidemia fino a rimetterci anche la pelle sono i cosiddetti anziani. Gli over 70 si diceva inizialmente, ora pare invece che la soglia di rischio si sia abbassata notevolmente. C'è forse una regia occulta che pilota tutto, agendo in segreto sul virus, modificandolo all'occorrenza al punto da gettare un Paese come l'Italia nello sconforto e nella confusione? Approfittando tra l'altro di un Governo, il nostro, costituito di burattini senza spina dorsale?? Probabilissimo, e proprio appena dopo la Brexit e mentre Trump pressa il nostro Governo affinché segua l'esempio di Farage.

Ipotesi da complottisti, qualcuno potrebbe obiettare, intanto si comincia a far luce sulla vera natura della politica dell'accoglienza utile solo a coprire la disomogeneità del nostro popolo. E Conte (per sorda ingenuità?) regge il gioco a tutto questo chiamando in causa un ospedale del Nord che sarebbe sfuggito al protocollo di emergenza previsto per contenere l'epidemia di Coronavirus. Abbiamo un corpo militare eccellente per le dovute investigazioni, perché non attivarlo?? E se il virus fosse invece nell'aria? Se l'untore di laboratorio fosse complice delle Multinazionali farmaceutiche se non di alleanze di Stati decise a estromettere il Nord Italia dal podio delle potenze economiche mondiali?? Perché non scandagliare queste ipotesi?! Forse perché troppo scomode al nostro governo che non riesce ad assumersi le dovute responsabilità di uno Stato sovrano.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001