Il Coronavirus: arma di distruzione, di distrazione o altro?
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il Coronavirus: arma di distruzione, di distrazione o altro?

Il Coronavirus: arma di distruzione, di distrazione o altro?

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Le pandemie ripuliscono.

Il Coronavirus: arma di distruzione,  di distrazione o altro?
Il Coronavirus: arma di distruzione, di distrazione o altro?

 

Si sedimentano nell'inconscio collettivo nella forma di diluvio universale da cui risorgono nuove civiltà e società, o semplicemente stili di vita più  umani e dimenticati. Sono l'unica possibilità, seppur macabra e tragica sul piano emotivo, per l'Umanesimo attualmente messo a dura prova, di risorgere e riconfermarsi.

La quarantena a cui si sta obbligando le aree tra le più  produttive  del Nord non va a mio avviso quindi intesa secondo i fini a cui ci vorrebbro piegati i poteri occulti , ma puo’ indurre  effetti positivi sul piano del risveglio della coscienza o di quella spiritualità assopita. Chiediamoci innanzitutto perché proprio il Nord stia pagando piu’ duramente le conseguenze innescate dall'epidemia. È il cuore produttivo del Paese ma anche la terra degli stili di vita più frenetici e sbagliati. L’economia capitalista proprio lì ha introdotto comportament fuorvianti e reso palese in chiave ideologico sociale il passaggio che porta alla sempre più pressante imprescindibilità dell'uomo dalla tecnologia. La società fluida e il Transumanesimo proprio lì  stanno mettendo a dura prova i valori sacri dell'uomo legati a radici profonde intorpidite da un progresso sempre più  agognato e rincorso. Il mondo del capitalismo si muove velocemente e freneticamente a tal punto da ignorare i pericolosi riflettori puntatigli contro da diversi nemici mai leali. La libertà che più non è, per volontà di chi ci governa e ubbidisce all'economia della Globalizzazione, nasconde quelle che sono le vere esigenze umane non ancora estirpate. Il bisogno di riscoprire l'importanza della famiglia e dei valori, di contro alla dispersione di una vita spesa alle dipendenze del consumismo, pena l'isolamento dagli altri e la bullizzazione, è il fatto nuovo che sta prendendo piede ultimamente. Perché  in una società insoddisfatta, alla costante  ricerca del nuovo, chi si ferma a riflettere è l'alieno da punire in quanto coglie aspetti che non dovrebbe.

Si parla spesso dell'epidemia da Covid 19 come di un'arma di distrazione di massa che porta la società a non contemplare altri scenari che non siano quelli scaturiti da essa e questomriflette la condizione di letargo in cui siamo precipitati tutti per volere di una regia che intende defraudarci della capacità di pensare e dell'intelligenza del cuore innanzitutto. Pertanto ritengo che la teoria della distrazione di massa in questo caso regga il gioco a chi invece ha in pugno l'economia mondiale. In un Nord abituato troppo a folleggiare nella superficialità, in cui la prostituzione minorile ha toccato livelli inaccettabili, in cui la filosofia Gender e Transgender già  pilota e dirige i programmi scolastici, dove i ragazzini sono soliti salutarsi col bacio sulle labbra e vendersi per comprarsi il telefonino di ultima generazione, la chiusura nel silenzio non può  che aiutare nella prospettiva di un ridimensionamento  di tutto ciò che oscuri l'uomo, ridotto a strumento del dio denaro.

Il dato triste della nostra società  è  proprio la perdita di contatto con le persone a noi più prossime, come i membri della stessa famiglia, così come della semplicità  maestra propria della Natura. E’ giunto il momento di fare chiarezza in noi stessi. Siamo diventati sordi al respiro dell'atmosfera e alle singole voci della Natura che pure ci assiste da sempre ed è l'unica via di salvezza e di varco per il futuro, possibile solo riponendo al centro di ogni esistenza la sacralità  dell'uomo e della famiglia.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001