Il silenzio del dolore e il dolore del silenzio . Lo spot ''Covid 19. La voce degli invisibili'' di Giuseppe Cossentino
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il silenzio del dolore e il dolore del silenzio . Lo spot ''Covid 19. La voce degli invisibili'' di Giuseppe Cossentino

Il silenzio del dolore e il dolore del silenzio . Lo spot ''Covid 19. La voce degli invisibili'' di Giuseppe Cossentino

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il distanziamento sociale che stiamo vivendo in questi giorni sortIsce l'effetto di accomunare empaticamente i soggetti più sensibili.

Il silenzio del dolore e il dolore del silenzio al tempo del Coronavirus. Lo spot ''Covid 19. La voce degli invisibili'' di Giuseppe Cossentino
Nunzio Bellino

 

 

Gli spazi tra le persone sono colmati da un insaziabile bisogno di attenzioni che non risparmia chiunque si confronti con il proprio dilemma esistenziale. La voce corale di disperazione che si eleva da coloro che hanno perso cari e congiunti riesce a soffocare le voci che si dipartono dai singoli nidi che sembrano svuotati di ogni segno di vita.

È nelle piaghe sociali che affliggono che ci si sente più soli. Il protagonismo triste che stringe chi è parte della stessa situazione, esacerba le differenze e separa dai protagonisti del dolore quelle anime in corpi difficili da controllare e da governare.

Chi soffre adesso, soffriva già prima la sua diversità che lo rende speciale e fragile al contempo e se era poco visibile prima, lo è ancor più adesso che nessuno, tra quanti conoscono la sua storia, sembra ricordarsi di lui. La risonanza mediatica conferita all'epidemia non è vero che ci sta offrendo un'anima migliore. Semplicemente ci rende più timidi e crudelmente paurosi, al punto di calpestare le grida di chi chiede disperatamente aiuto e aiuto non ha. Le città si spengono e gli ospedali accolgono ma ciò non accade per tutti, solo per coloro che trovano spazio in questo allarmismo esagerato.

Nunzio Bellino con Giuseppe Cossentino
Nunzio Bellino con Giuseppe Cossentino

 

Ho un amico che soffre tanto e mi si stringe il cuore perché essere amici significa ricordarsi sempre delle reciproche esistenze anche quando cala il sipario del buio. L'amicizia è una fune che non si spezza e unisce nella distanza. Lui è Nunzio Bellino ed è l'attore protagonista del corto Elastic heart. Se chi è fragile nel corpo sviluppa spesso una corazza per preservare il proprio cuore da aggiunta sofferenza, Nunzio la cui pelle è particolarmente elastica ma tanto delicata a causa di una malattia rara e incurabile, ha mantenuto un animo che lo circonda di un alone di purezza. Nel silenzio che lo attornia, si è aperta una fessura di luce attraverso cui guardare ed essere visto da un mondo che per lui non sembra più avere occhi. Lo spot che ha girato con il regista e sceneggiatore Giuseppe Cossentino è uno specchio che riflette il suo dramma. COVID19 LA VOCE DEGLI INVISIBILI vuole smuovere la nebbia addensatasi nel cuore e nella mente di chi non considera altre tragedie al di fuori di questa epidemia. E in tale situazione si esprime la grandezza di Nunzio che non parla solo del suo dolore ma si fa portavoce di chiunque abbia una malattia inguaribile e si vede accantonato dal mondo.

“Non esisto più io e non esistono più gli altri che soffrono quanto me, ognuno chiuso nel proprio angosciante dolore",

dice Nunzio il cui grido arriva candido a chi sporge l'orecchio dalla routine di questi giorni che vedono ripetersi le stesse scene, le stesse situazioni con una monotonia asfissiante che non apre altre porte.

Ci si abitua a tutto tranne che al dolore non percepito, non vissuto che quindi resta invisibile. E da un distacco reale della propria condizione in attesa, Nunzio dall'alto dei suoi giorni spera di ritornare ad essere qualcuno e non un ricordo fantasma, anche per i medici che l'hanno avuto in cura .

La musica di una dolcezza malinconica sembra tastare come con ali d'angelo i suoi pensieri, porgendoci la sua sofferenza, come un macigno che pesa sulla coscienza di tutti. Il pianoforte del musicista Kevin Mcleod che ha curato le musiche anche di Elastic Heart suona la poesia di un mondo a parte che sta a noi incontrare e curare come fosse una parte di noi.

SPOT COVID19 LA VOCE DEGLI INVISIBILI
Spot Covid19 La voce degli invisibili. Testi e regia di Giuseppe Cossentino con la partecipazione speciale di Nunzio Bellino.
Uno spot che sensibilizza l'opinione pubblica per la situazione che vivono tutti coloro che soffrono di patologie rare nel mondo, alle prese con il cambiamento radicale di vita in questo momento storico dovuto al Coronavirus, dimenticati da tutti e lasciati soli con l'immagine e la voce dell'attore e personaggio Nunzio Bellino, sempre in prima linea nel sociale, insieme allo sceneggiatore e regista Giuseppe Cossentino. 
 
Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001