Il Passato e la Patria dei Grandi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il Passato e la Patria dei Grandi

Karl Wilhelm Diefenbach - Sirene

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'Eterno ha diverse sfumature, pertanto ritroviamo in noi chi è nel letto della nostra anima.

 

Karl Wilhelm Diefenbach - Sirene
Karl Wilhelm Diefenbach - Sirene

 

Le forme si trasformano come il fuoco, l'acqua e la terra è nella solidità dell'istante. L'aria è l'indefinito del cielo da cui abbiamo origine e a cui tendiamo. È l'eterno che nel transeunte guida il nostro passo. Ci appartiene il momento ma siamo nell'eterno fusi e mai confusi nella individualità dell'anima. Il corpo è terra e dinamismo delle forme e lì alla terra lo restituiremo quando prenderemo la via oltre il tappeto di nubi.

L'importanza del passato è nel riconoscersi parte di un tutto che ci identifica in un discorso di fratellanza. Il passato va santificato perché è la via della croce tramite cui si ascende al cielo. Sostare sul momento e vivere in rapporto al momento significa non percepire la propria essenza. È una questione di sensibilità che va coltivata nel tempo con studio e determinazione. Il passato non lega, ma permette di non ripetersi e oggi la filosofia di vita che impongono, tende allo slegamento dell'uomo dalla riflessione, disarticolandolo e disarcionandolo dal Pensiero che ha le sue radici nel passato. Senza voler a proposito di questo condurre un discorso politico, è giusto far notare che le ideologie comuniste o comunque di Sinistra Portano avanti il presente in antagonismo rispetto al passato disprezzato perché non colto nella sua indispensabile utilità.

Il Comunismo sovietico e cinese s'impongono con idee di rottura rispetto ai precedenti assetti politici, calpestando e mettendo al bando l'imperialismo. All'opposto agiscono le Destre con il loro pensiero di gloria che affonda in un tempo calato nell'uomo e per questo metastorico. La visione diversa del passato porta a un irrigidimento al presente di determinati comportamenti delle Sinistre, come l'insulto e il rovesciamento delle statue e la cancellazione dei nomi delle strade. Ciò che si soffoca con violenza esplode con violenza. Che il passato sia maestro anche nella condotta da adottare nella società e non solo nei suoi principi di conservazione. Ricordare è sempre un bene, mai un male perché attraverso il ricordo si afferma l'unicità dei Grandi.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001