Covid. La Calabria e il piano mondialista
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Covid. La Calabria e il piano mondialista

Covid. La Calabria e il piano mondialista

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

È vero che l'assenza di contante crea ostacoli alle Mafie tradizionali, ma è anche vero che incoraggia le nuove Mafie e i loro potentati globalisti.

Covid. La Calabria  e il piano mondialista
Covid. La Calabria e il piano mondialista

 

Ciò mentre si fa di tutto per far franare l'economia turistica al Sud Italia, nello specifico in Calabria e in Sicilia, le due regioni trainanti al momento il richiamo di stranieri nelle industrie ricettive alberghiere. Come azzerare gli sforzi di due territori che hanno cercato dignitosamente di tenere testa ai danni provocati dal lockdown? Con una soluzione molto semplice. Facendo arrivare barconi di gente infetta. È quanto è avvenuto e continua ad accadere. 

Quanto sta succedendo in Calabria è l'ennesimo tentativo rivolto a colpire le frange politiche sovraniste che si oppongono al regime mondialista, ed è soprattutto la dimostrazione che il pensiero globalista è la nuova Mafia.

È Mafia e terrorismo mediatico ed economico in quanto fa strage delle ultime speranze di vita di quei territori per vocazione affidati a una tradizione turistica. Amantea sabato sera era piena di gente e sembrava reggere bene gli urti del terrorismo che ha per nome quello di un virus potente ma solo nella strategia di quanti vogliono farlo credere tale. Il piano è chiaro ed è quello di distruggere anche l'economia turistica affinché le preposte strutture ricettive vadano sacrificate ai branchi di migranti che spiaggiano da noi.
Come contrapporsi a quanto sta avvenendo?

Innanzitutto smettendo di ubbidire alla sudditanza indotta e manifestata dalle mascherine. Poi, attraverso la rivolta compatta dei commercianti. Se le autorità sono prone alle leggi imposte dal Pensiero Globalista, che sia il semplice cittadino a rivoltarsi contro. Per tutelare se stesso e la propria economia. Come è già successo a Palmi dove la serie di prenotazioni estive è saltata a causa dei cinque casi arrivati da fuori di contagiati, Amantea che ha di certo il suo peso nell'ingranaggio dell'economia turistica della Calabria e di tutto il Sud, rischia grosso e non solo per questa estate, ma anche per le previsioni a lungo termine. Certe macchie restano e non vanno cancellate dalla memoria collettiva dall'oggi al domani.

Ai recalcitranti che ancora si ostinano nella loro posizione di chiusura a riguardo della pericolosità del Covid, chiedo umilmente di aprire gli occhi finalmente e di riflettere partendo da quanto sta avvenendo. Se continuerete a sostenere l'uso di ogni precauzione, ucciderete voi stessi e darete luogo al deserto di esistere in un territorio per sua natura votato ad essere florido. In più darete modo a Conte di varare ulteriori misure restrittive a seguito dei nuovi sbarchi infetti, in un momento in cui la percentuale dei casi di covid è sicuramente in calo.

Giu' le maschere! È tempo di agire e di risvegliare i Briganti che sono in noi e che attraverso di noi reclamano giustizia per amore della loro Patria.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001