Le Ong e la nuova Mafia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Le Ong e la nuova Mafia

Le Ong e la nuova Mafia

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Mafia fa affari con le Ong. Ecco perché chi è con le Sinistre non può battersi per principio a favore della legalità.

 

Le Ong e la nuova Mafia
Le Ong e la nuova Mafia

 

Le Sinistre da sempre sono con la Mafia e l'unico che ha cercato di combattere le Mafie di tutte le tipologie è Mussolini. Gli arresti degli affiliati alle forze di Destra sono pesci piccoli in confronto alle grosse eccellenze che governano il mondo alleate alle potenze globaliste di Sinistra. Purtroppo la stampa nazionale asservita al potere di Sinistra fa risultare solo gli arresti fasulli che riguardano gli esponenti di Destra.

Chi ha interesse a far arrivare gli immigrati per sottopagarli come forza lavoro manuale da impiegare in vari settori? Le Sinistre che foraggiano le Ong. Sinistre e Mafie quindi ancora una volta cooperano per tenere basse le retribuzioni che risultano comunque essere favorevoli per chi entra da noi e proviene dal terzo mondo, sfavorevoli invece per i nostri giovani che specie nel Sud vengono arruolati come nuove leve dalle cosche mafiose, in cambio di lauti guadagni. Questo meccanismo penalizza di fatto ogni concorrenza leale sul mercato, perché rende impossibile la competitività. Il disegno economico mondiale è tracciato dalle potenze apolidi che gestiscono il flusso di migranti e l'economia su scala globale. L'affraternamento dei popoli evidenziato dal fenomeno di apertura e accoglienza, è in realtà il pretesto per arruolare nuovi schiavi da immettere sul mercato a basso costo. La ghettizzazione nazista sembra essere passata dalla parte dell'ala politica contrapposta. I cittadini sono livellati per cultura e inquadramento economico, controllati cavillosamente dal Grande Fratello rappresentato dalle lobby affaristiche mondiali. La tecnologia avanzata preserva queste nuove forme di potere, occultando i nomi di chi possiede le redini del mondo. Sembra che questo quadro mondiale alquanto tetro sia destinato a restare incantato e fermo a lungo. Senza competitività nei mercati è impossibile ogni tipo di crescita sia individuale che sociale.

Vorrei che il procuratore Gratteri intervenisse a riguardo. La 'Ndrangheta non è più una realtà territoriale, ma socia in affari dei grandi potentati economici dei quali e' servo il Governo Conte. E il decreto di scarcerazione dei boss firmato dal ministro Bonafede è la chiara risposta al processo sopra esposto.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001