Potere e potenza delle nuove oligarchie
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Potere e potenza delle nuove oligarchie

Potere e potenza delle nuove oligarchie

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E' inopportuno parlare di Stati potenza, giusto invece sarebbe parlare di lobby all'interno degli Stati. Ossia, di particolarismi ideologico finanziari che gestiscono tutto.

Potere e potenza delle nuove oligarchie
Potere e potenza delle nuove oligarchie

 

Siamo nell'epoca dell'anarchia liberale in cui chiunque abbia una fetta di dominio nella torta dei mercati finanziari, può smuovere tutto e muovere il mondo, sottraendosi alla Legge del popolo. È in atto la restaurazione di una nuova establishment di tipo feudale, costituita di tante piccole oligarchie che scendono a patti tra loro per mantenere la rete di equilibri sulla quale si fonda il potere.

"Potere" e "Potenza" seppure nelle loro debite differenze peculiari, nell'anarchia coincidono e vanno a collimare con la stessa esigenza di svettare sulla corda spaziotemporale. L'anarchia è immobilismo e immobilità senza scampo. È l'ordine nel disordine, uno status che dall'esterno è inosservabile e incomprensibile. L'anarchia è per il popolo degli esclusi l'altra faccia del potere che si bea del suo totalitarismo incontestabile.

Le Ong, come già detto in precedenza in un mio articolo, sono esempi evoluti dell'autogestione anarchica maturata negli anni Novanta. Si è partiti allora dall'autogestione delle scuole e delle Università, attraverso il movimento filorusso studentesco che oggi definiremmo radical chic: la Pantera. Era quello il periodo dell'affermazione dei centri sociali, luoghi non luogo in cui persino le retate della polizia non sortivano alcun effetto. Quali alcune tipologie di setta che comprimono gli adepti, assicurando in cambio l'elevazione della coscienza spirituale tradotta in libertà, i centri sociali sono luoghi in cui l'anarchia si dimostra ma non sussiste, perché compressa da una leadership che sa autoregolamentare tutto e tutti. Lo stesso dicasi delle Ong che non prendono ordini da nessuno, ma si trovano piegate a fare ciò che la legge del più forte nell'alta finanza impone.

Stiamo bypassando il fenomeno delle Mafie e questo sembra non impressionare alcuno.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001