Coronavirus e Nuovo Umanesimo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Coronavirus e Nuovo Umanesimo

Coronavirus e Nuovo Umanesimo

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Siamo in Autunno e come secondo le previsioni, il circo mediatico intorno al Coronavirus si è ripresentato col suo vigore.

Disegno di Doriano Solinas
Disegno di Doriano Solinas

 

Si diceva si sarebbe ritornati alla fase 1 a macchie di leopardo in tutta Italia e così è in effetti, con l'aggravante della misurazione della temperatura e dell'obbligo della mascherina anche all'aperto in quelle regioni dove non si era resa mesi prima necessaria. In quelle regioni virtuose come la Calabria.

Allora, cosa non ha funzionato?

Subito le folle si aizzano contro i maldestri giovani amanti della bella vita che l'estate scorsa non sono riusciti a fare a meno delle discoteche e delle aggregazioni serali di routine. Cosi’ come contro chi non rinuncia a un certo tipo di divertimento, e contro gli indisciplinati da spiaggia. Discoteche chiuse e annullamento di party lussuriosi sembra siano stata la carta vincente che molte regioni hanno giocato pensando di risolvere il fantasma dell'epidemia o forse, per la ragione effettiva di raccogliere il consenso di Conte. Sembra infatti, che al di là del teatrino televisivo con scaramucce varie tra i diversi schieramenti politici contrastanti, tutto vada d'amore e d'accordo sulla scena della pandemia da Covid. E mentre continuano le varie e reciproche accuse mediatiche, la gente che non riesce a trovare la quadratura del cerchio, rimane impantanata nella cieca convinzione che il mostro Covid non ci abbandonerà più e che l'Italia tutta è destinata a franare per i morti da Coronavirus e per la depressione causata dal fallimento delle attività. Non si salva nessuno e la prova del nove l'ha fornita proprio l'irriducibile Berlusconi, il rivale delle Sinistre, che ha terrorizzato a riguardo della propria esperienza di contagiato.

Strano però che, dall'alto dei suoi 84 anni in apparenza ben portati, in realtà vacillanti per le varie patologie che lo vedono coinvolto, si sia ripreso bene e in fretta. Lo stesso dicasi a proposito di Briatore protagonista della farsa tragicomica Covid sì, Covid no. Tutto questo mentre i teledipendenti vanno giù di tono, riportando in auge quanto si era detto all'inizio: Pensiamo alla salute che al resto Dio provvede. E Dio sta provvedendo di certo, tra atti terroristici in netta ripresa, tra assalti alle chiese e coperture di opere d'arte che offenderebbero i nostri ospiti musulmani. Non ci stiamo facendo mancare proprio nulla, mentre dopo la vittoria sciacalla del SÌ che vorrebbe il taglio dei Parlamentari, la farsa all'interno della politica italiana continua con la notizia bomba di chi, in qualità di presidente dell'Inps, vorrebbe triplicarsi lo stipendio. Il ballo dei raggiri s'infiltra nella società del Bel Paese irretito nelle questioni di banchi con le rotelle e bambini che svengono in classe per il rigore della mascherina. C'è chi crede all'asino che vola e non rinuncia ai proclami televisivi di elogio a politici e virologi, le star della televisione futura. Tutto questo mentre le attività di cultura e spettacolo sono in serio pericolo e qualcuno teme non si riprenderanno più.

L'Italia va a picco, ma davvero per tutti?

Aziende e negozi chiudono, ma va a gonfie vele il mercato online e quello cinese che, ammortizzando i costi della sicurezza sul lavoro, si propone all'Occidente con soluzioni altamente vantaggiose e competitive. Per non parlare di chi (sarti ,parrucchieri e così via) ha scoperto i vantaggi di lavorare a domicilio e in nero. Tutto ciò con il beneplacito del Governo Conte propostosi all'origine come paladino dell'onestà. Il Movimento crolla, è quanto emerge dalle ultime regionali, ma è ben ancorato alla scialuppa piddina che mantiene salde le sue roccaforti. L'opposizione punta sui soliti discorsi antiimmigrazione e a sfavore del Reddito di Cittadinanza, tirandosi le risate beffarde della Maggioranza.

Il piano mondialista domina e tutte le pedine della scacchiera politica lo sanno bene. E mentre il popolo si frastaglia, Conte gongola con le sue propagande dittatoriali, riprendendo e riattualizzando discorsi vecchi sul cambiamento necessario nella società. Allo beffa lo schiaffo quando rilancia la sua ideologia di un Nuovo Umanesimo, lasciando aperti interrogativi seri in quanti sospettano che dietro la sua boria da dio, sussistano profonde voragini di ignoranza. Come si potrebbe parlare di Umanesimo in una società che sta tagliando i ponti del dialogo e della vicinanza tra individui? Quale solidarietà se non di mercantile scambio con chi dall'altra sponda del Mediterraneo sta rafforzando l'ondata epidemica in Italia? Il Papa acconsente e sembrano essere tutti compatti nel nome del Pensiero Unico trionfante. Tutti tranne qualcuno messo al bando dalle cieche folle. Ancora c'è chi spera in questa umanità e crede si possa risvegliare e dare un cambio di rotta al mondo. Almeno al nostro mondo che vede dimenticati gli ultimi: i bambini e gli anziani, questi utili solo a mantenere in vita la farsa del Coronavirus, perché, dovessero morire loro, tanti giovani creperebbero di fame.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001