Gucci e la nuova spiritualita' emergente
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Gucci e la nuova spiritualita' emergente

Gucci e la nuova spiritualita' emergente

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Gucci prima con la modella armena, ora con le calze della Befana che viene di notte, vuole dimostrare di essere schierato a Sinistra, al fianco del Mondialismo.

Gucci e la nuova spiritualita' emergente
Gucci e la nuova spiritualita' emergente

 

Forte il messaggio dei collant. Non legato per nulla all'ondata punk fine anni Settanta, né a quella dark successiva volutamente anticonformiste e anticonsumistiche. Oggi, Gucci smaschera ciò che è sempre stato il vero proposito delle Sinistre: dominare i singoli anche con la violenza.

La calza richiama inconfutabilmente alla supremazia del maschilismo ed esplicita visivamente l'autorizzazione dello stupro delle donne che di risposta devono piegare la testa. È questo uno dei contenuti caratteristici dei testi della musica trap, il trash del rap. Il maschio che ha perso i suoi attributi su scala globale, si aggiudica la sua egemonia puntando sulla violenza. È quanto ci passa la cultura dei porti aperti tanto permissiva verso gli immigrati e altrettanto con i Mussulmani ai quali persino il papa eretico Bergoglio si è prostrato, ignorando la blasfemia perpetrata da loro nei confronti di culti e simboli occidentali, messi da tempo a ferro e fuoco.

All'apertura di vedute corrisponde la chiusura difensiva già sperimentata durante l'invasione barbarica medievale. Allora, l'arroccamento nei piccoli centri rurali e la fuga dalle città portatrici di virus e infezioni mortali, invase dagli stranieri a causa dello sgretolamento dell'imperialismo dell'Occidente romano, erano l'unica via di salvezza. Ma quei tempi, seppur riecheggianti per sommi capi nel presente, custodivano il germoglio della rinascita nella diligenza e nella cultura della Conservazione portate avanti dalla Chiesa di Fede espressa dal Monachesimo.

Oggi, quale stella potrebbe garantirci la rifioritura e la conservazione dei principi basilari? La Chiesa come istituzione si sta rivelando un covo di ladri, volendo usare un eufemismo. Sta al singolo proporsi come svolta, superando le barriere indotte dalla mascherina peraltro cancerogena, radunandosi con i propri simili in comunità ristrette che non siano logge di potere, ma luoghi d'incontro per coltivare l'ideale di rinascita proprio di chi ha a cuore la spiritualità universale ben oltre le frontiere religiose.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001