I commissari straordinari e la paralisi di un territorio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

I commissari straordinari e la paralisi di un territorio

I commissari straordinari e la paralisi di un territorio

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il commissario Cotticelli si è rivelato una persona del tutto inadeguata a svolgere un compito tanto importante che di dovere spetterebbe a chi conoscesse dal di dentro la materia delicata della Sanità. Né un burocrate e né tanto meno un militare di alta carica.

Saverio Cotticelli
Saverio Cotticelli

 

Cotticelli si è materializzato in tivù nelle sembianze di una brava persona andata in tilt per conteggi e scartoffie varie, incapace da solo di far fronte a una mole ingente di lavoro perché i Governi, così agiscono: inviano il commissario straordinario, scaricando a lui la patata bollente della gestione di un territorio.

In Calabria ricevere il commissariamento significa non regolarizzazione, bensì dover sopportare una figura o più nell'accomodamento di una realtà a lui, a loro estranea e di cui lui, loro non si cureranno mai. Lo vediamo nei comuni commissariati per infiltrazioni mafiose, vere o presunte che siano. Il Governo più di tanto non indaga e spesso si attiene al visionamento superficiale di fascicoli mal interpretati che giacciono mesi, per non dire anni, nelle procure di competenza. Non basta un commissario per comune sciolto per mafia, spesso ne occorrono tre o persino sei. Chi sono e cosa fanno?

Alcuni di loro sono invisibili non perché dotati del dono della trasparenza, ma perché mai visti in sede. Eppure guadagnano e tanto, molto più dei parlamentari! Sulla pelle di chi li accoglie e che intanto vive il dramma della paralisi di un territorio che andrebbe risanato sotto molteplici aspetti, non ultimo quello della gestione e dell'adeguamento delle strutture.

Il luogo si ferma quando c'è un commissario. E con lui le gare d'appalto e le necessità di un territorio che dà fastidio perché reclama ascolto e viene così barbaramente azzittito.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001