La Tradizione e la trasmissione divina
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La Tradizione e la trasmissione divina

La Tradizione e la trasmissione divina

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Parola di Cristo si perpetua e vivifica anche con la Tradizione.

Jesus sitting on the throne
Jesus sitting on the throne

 

Gesù irrompe nella Storia portando l'alba alle sue genti e con l'alba s'identifica. Egli stesso è luce che spacca le tenebre e in questo si collega al valore della mezzanotte presente come ora del passaggio alla nuova vita che viene rappresentata dall'alba nelle Sacre Scritture. L'alba la ritroviamo nell'ora della Resurrezione intesa come rinascita spirituale e non carnale. Parimenti, l'alba è la fase della freschezza che conserva traccia del mondo onirico, sospeso del sogno che non è assenza della coscienza ma vigilanza su di essa. Il sogno è realtà simbolica che coincide con la Verità e viene perpetuato nella dimensione sacra di traslazione dei contenuti nel Reale attraverso la Parabola.

Anticipare la nascita simbolica del Cristo alle 22 ha un significato politico teso allo stravolgimento del Verbo assoluto di Dio e all'adattamento del medesimo alle esigenze della Storia. Ancora una volta la politica secolarista dell'attuale papa, in realtà una figura politica e non sacra, rivela la permeabilizzazione della Parola di Gesù che ha travalicato deserti e montagne epocali, mantenendosi intonsa. Accettare l'anticipazione dell'orario della Massa di Vigilia significa piegare Dio al corso della Storia e questo per un buon cristiano è davvero inaccettabile. Ciò palesa quanto la religione della Santa Romana Chiesa sia in crisi perché la modernità e la pretesa di adattabilità alle esigenze dell'uomo moderno la minano alle radici.

L'incorruttibilità della Chiesa come principio non è mai esistito, ma guai a compromettere la veridicità metastorica della Parola che si perpetua attraverso la Tradizione. La Tradizione non è un contenitore morto di esperienze umane. È il tessuto stesso dell'Uomo in rapporto all'esemplificazione di Dio adoperata da Dio stesso per incontrare l'uomo in una operazione di innalzamento dello stesso.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001