Paolo Rossi e quell'Italia che non esiste piu'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Paolo Rossi e quell'Italia che non esiste piu'

Paolo Rossi e quell'Italia che non esiste piu'

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quando il calcio era uno sport e non un'opportunità per arricchirsi smoderatamente, c'erano i grandi campioni e c'era Paolo Rossi.

Paolo Rossi e quell'Italia che non esiste piu'
Paolo Rossi e quell'Italia che non esiste piu'

 

Quando il Calcio sfornava atleti che si lanciavano sul pallone senza freni e paure, c'erano i grandi calciatori e c'era l'Italia sempre in finale. Io ero bambina e a quei tempi le partite della Coppa del Mondo erano eventi irripetibili che tenevano incollati allo schermo interi nuclei famigliari in compagnia di birre e panzerotti. Non c'era quasi null'altro in tivù e i campioni erano ragazzi ma anche eroi, ragazzi sul punto di divenire uomini come lo erano i nostri padri ancorati al solido universo rappresentato dalla famiglia e in forma più grande, dalla Patria.

Quale ragazzina di allora non ha sognato di incontrare Rossi o Cabrini al pari dell'idolo di quei tempi, l'esordiente Miguel Bosé?

Paolo Rossi era un azzurro e lo era davvero negli anni Ottanta quando non si era superpagati come lo sono i giocatori di oggi e quando le grandi società erano ancora in grado di far rispettare i confini nazionali. Erano azzurri per nascita i nostri eroi, e con fierezza correvano per il campo doppiamente motivati e dal gioco e dalla loro italianità. Poi il Calcio è diventato un mercato preparandoci all'avvento della globalizzazione e cognomi stranieri hanno iniziato a prendere sempre più piede nelle squadre che avevano il nome della città di provenienza e per giocatori i figli di quella città che rappresentavano degnamente nel Calcio. Erano nomi che imparavamo a memoria come fosse una filastrocca. Chi non ricorda o non ha imparato allora, la composizione della nostra Italia ai Mondiali dell'82?

Poi è arrivato Maradona e dopo di lui il Calcio è stato altro, non più uno sport ma un campo di guerra tra squadre avverse composte da giocatori arrivati da ogni dove, in cui la bravura serviva a portare soldi ai grandi club e in ultimo alle pedine da gioco. Droga, doping, scandali... e la corruzione che non ha risparmiato neanche lo sport nazionale e da numeri uno siamo retrocessi in fondo, fino a scomparire dalla classifica dei Mondiali.

Che ne sanno i ragazzi di oggi che significato ha essere campioni? Me lo chiedo da tempo. Da qualche anno, da quando basta un click su fb a far vincere quel dato elemento a una competizione qualsiasi. Benedetti clicks che se sei davvero bravo o bello ma non li prendi, vieni scavalcato da altri non di certo più meritevoli di te, che però hanno alle spalle genitori, nonni e zii che da mattina a sera invitano amici e contatti a cliccare per far vincere il loro rappresentante. È tutto più facile adesso. E anche troppo. Troppo facile e troppo squallido è vincere.

Con Paolo Rossi se ne va una generazione di uomini perbene. Senza vizi e virtuosi di natura. Durante la Messa del suo funerale che stanno trasmettendo per televisione mi sembra di assistere per la seconda volta alla funzione di addio a mio padre. Papà aveva un'ammirazione infinita per Paolo Rossi che gli somigliava tanto per quello che del campione si sa, ossia per sensibilità, senso di servizio, profonda Fede e serio rispetto per le Tradizioni. Oggi per me è un giorno molto brutto, per me che mi sento legata alla sua famiglia da un forte sentimento di condivisione, senza averla mai conosciuta. Mi rivedo in Federica e nelle figlie affrante per la dipartita del loro amato congiunto che da giocatore mi aveva colpito anche nell'aspetto, per quella capigliatura morbida e boccolosa che avrei ritrovato nel mio primo grande e vero innamoramento insieme alla sua ritrosa serietà. Rifletto ora e col senno di poi dico che i veri protagonisti di qualsiasi storia acquistano luce proprio per quei dettagli poco eclatanti, che entrano nel mondo privato della gente comune, diventando semi per sentimenti importanti. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001