Mammona e l'ingordigia odierna
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Mammona e l'ingordigia odierna

Mammona e l'ingordigia odierna

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La gente di oggi è ingorda, pensa ad accumulare soldi e anni ed è disposta, pur di raggiungere questi obiettivi, a non vivere e ad accontentarsi di vegetare soltanto.

Mammon. Illustration du Dictionnaire infernal de Jacques Auguste Simon Collin de Plancy par Louis Le Breton, 6eme édition, 1863
Mammon. Illustration du Dictionnaire infernal de Jacques Auguste Simon Collin de Plancy par Louis Le Breton, 6eme édition, 1863

 

Quanto il virus sta esprimendo in merito alle misure restrittive e all'atteggiamento assunto diffusamente dalla gente, porta a percepire un degrado generalizzato sui principi che muovono la vita, la motivano e la inclinano. Stiamo dimenticando che l'uomo è nato per muoversi e socializzare, per apprendere sperimentando anche in modo proprio e individuale, prima di arrivare all'universalizzabile. Il metodo induttivo alla base della filosofia pratica e scientista messa a punto dall'Illuminismo partendo dai giusti requisiti della ragione in funzione non della produttività in termini quantistici, ma dell'affinamento delle capacità logiche dell'individuo, sta tirando fuori un'umanità gretta e ingorda, dedita ad accumulare tempo e ricchezze, ben attenta ad omettere e finanche a perseguire con la Legge quanto possa creare dispersione e ostacoli ai due obiettivi.

Nella logica dell'accumulo i sentimenti non trovano spazio perché chi pensa a immagazzinare non è disposto a cedere nulla, né tanto meno a mettersi in discussione. Troviamo già nell'antichità e nelle Sacre Scritture evangeliche riferimenti a questa logica sbagliata su cui si fonda la cultura materialistica, consumistica e comunista ben analizzata da Marx, e la troviamo citata col nome di Mammona. Mammona nasce da un'alterazione dell'immagine della casa in rapporto alla figura femminile che da sempre si occupa dell'economia domestica. L'etimo proviene dall'antico siriaco che significa "nascondere il tesoro nel sotterraneo". Mammona è la divinità delle provviste e quindi per traslato diventa colei che rappresenta l'ingordigia animale e istintiva trasferita alla specie umana. Chi accumula, priva gli altri della vitalità. È il parassita che in ambito fantastico viene rappresentato dalla figura di provenienza ctonia, del vampiro. Il vampiro è il predatore, il lupo. Ma mentre il vampiro ha un approccio critico alle sue caratteristiche che vive in termini anche problematici, Mammona è l'ignoranza incapace di porsi domande e la troviamo nell'immaginario fiabesco rappresentata dall'orco.

Leggo a proposito di questa pandemia osservazioni che mi lasciano di stucco provenendo da uomini ben oltre i cinquantanni che con rammarico accusano gli assembramenti della morte della loro cara nonna. Siamo arrivati al punto di incolpare i giovani che hanno il diritto di vivere secondo le proprie e personali esigenze, pur di salvare la vita a chi l'ha già abbondantemente vissuta. Il peggio relativo ai legami famigliari e parentali sta esplodendo di questi tempi, focalizzato dalla lente d'ingrandimento della pandemia. Non oso parlare di sentimento a riguardo, ma di una forma di attaccamento triviale al proprio nucleo e quanto da me osservato si deduce dalla volontà diffusa di accettare le misure di sgretolamento dei nuclei affettivi in vista del Natale, per favorire un contenimento della pandemia.

È raccapricciante tutto questo e fuori da qualsiasi principio umano. Accumulare vita vegetativa è l'obiettivo da inseguire e concretizzare, punendo chi lo impedirebbe in quanto contronatura. Si è andato oltre il limite dell'accanimento terapeutico. È il proponimento a snaturare la vita per me sbagliato, partendo dai suoi principi basilari e questo per me è inammissibile.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001