Vaccino: polemiche e farsa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Vaccino: polemiche e farsa

Vaccino: polemiche e farsa

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Biontech chiede di approvare in fretta gli altri vaccini, perché da sola non riesce a coprire il buco. Intanto ci viene chiesto di predisporci positivamente al vaccino, compiendo così un atto di responsabilità verso noi stessi e verso gli altri.

Vaccino: polemiche e farsa
Vaccino: polemiche e farsa

 

La campagna a favore del vaccino anti Covid si sta trasformando in una vera e propria guerra che ha come oggetto il business condotto dagli Stati a favore delle case farmaceutiche elette a questo compito. Di contro i cittadini ben guardinghi sono chiamati a sottoporsi come cavie, dal momento che una vera e propria sperimentazione non è stata eseguita. La campagna vaccinale è partita di gran pompa in tutti i Paesi industrializzati e con diverse modalità, da far arricciare il naso agli scettici. Arcuri da noi porta il vessillo della campagna intitolata da lui Primula che tanto ricorda il caso cinese "Primula rossa". Pura coincidenza? Di coincidenze ce ne sarebbero tante e forse troppe in questa storia farsa e non solo per le modalità secondo cui sarebbero avvenuti trasporto e consegna del vaccino, ma anche per il numero basso di dosi e per gli accordi siglati con la signora dell'Eurozona, Merkel. Il costo eccessivo del vaccino e a seguire, il costo per ben settanta volte moltiplicato delle siringhe appositamente fatte arrivare dalla Cina da Arcuri, sono un vero e proprio schiaffo rivolto a tutti quegli Italiani stretti nella morsa della fame, che non riescono più ad andare avanti. Chi sarebbero i cosiddetti abbandonati dallo Stato? Al seguito di artisti e operatori del mondo dello spettacolo ci sono i ristoratori e tutti coloro che operano nel settore dell'intrattenimento, costretti agli esordi dell'estate a sanificare e a mettere in sicurezza i loro ambienti, in vista di un'apertura farlocca che è durata sì e no un paio di mesi. Dai 5000 ai 10000 euro di media sono stati spesi da esercenti e gestori per realizzare il disegno assurdo di un Governo dal naso lungo, che non ha saputo contenere i suoi capricci, e inadempiente nelle promesse. Ai ristori che non sono arrivati a tutti, o comunque non in tutte le tranche previste, va ad aggiungersi il danno morale, psicologico ed economico di vedere di nuovo per decreto richiudere la propria attività.

A che sono servite pertanto sanificazione e messa in sicurezza in Italia, fatte pagare dagli esercenti e non spesate dallo Stato come è accaduto invece in Germania e non solo? E le mascherine previste per tutti? È giusto chiedersi.

Per questioni di sicurezza è stato risposto, siamo costretti a far chiudere. Intanto, i soldi il Governo li ha intascati e non li ha restituiti. Una misera parte è stata destinata a bonus e ristori e il resto è stato spartito proprio tra coloro che hanno fatto dell'onestà il cavallo di battaglia. Se non è questo rubare? Mi chiedo. Ma vorrei che la stessa domanda se la ponessero gli Italiani che in gregge continuano a fidarsi e a sostenere questa maggioranza.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001