La frana di Amantea: un disastro annunciato?
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La frana di Amantea: un disastro annunciato?

La frana di Amantea: un disastro annunciato?

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'episodio della frana verificatasi nella città di Amantea avviene in un momento delicato in cui la Calabria, dopo la ripresa anche mediatica seppur breve e circoscritta a pochi mesi conferita dalla ex Presidente della Regione, l'avvocato Santelli, è caduta nuovamente sotto i riflettori nazionali.

La frana di Amantea: un disastro annunciato?
La frana di Amantea: un disastro annunciato?

 

Il pretesto ancora una volta è la Sanità inefficiente. Un tema critico e delicato, spesso ingigantito e manovrato nei suoi aspetti più critici da una certa stampa che non risparmia vessazioni e bacchettate contro il popolo di questa pregevole regione. Complice delle deplorevoli considerazioni espresse sulla Calabria è un manipolo di politici e giornalisti che cerca a proposito della pessima immagine trasmessa sulla regione, di indirizzare l'opinione pubblica e condizionare la prossima campagna regionale che si terrà ad Aprile. Non è prendendo nette posizioni al fianco di chi denigra la nostra regione che si dimostra l'impegno a voler affrontare i problemi in modo serio. Problemi di cui la Calabria spesso è la vittima e non la causa, come qualcuno dall'alto scranno delle tivù nazionali vorrebbe far credere con la complicità di una certa militanza politica e affaristica che ha il proprio centro altrove, tesa a penalizzare questa terra che non dimentichiamo, ha dato vita ad esempi di insigne levatura intellettuale e morale non solo nel passato ma anche nel presente.

Noi della Redazione del Centro Tirreno insieme a Gianludovico De Martino coordinatore del Comitato Centro Storico Amantea pendiamo totalmente le distanze dalla via del discredito, per focalizzare l'attenzione di tutti sui singoli problemi rimasti irrisolti come la difesa e manutenzione dal dissesto idrogeologico dei nostri territori. E vorremmo che l'episodio triste della frana di Amantea non fosse solo l'ennesimo campanello d'allarme ma il motivo valido per cambiare rotta e incominciare a impegnarsi seriamente a curare le piaghe che affliggono la nostra regione. Lo dobbiamo a noi stessi e a questa terra che non è seconda a nessuna e per bellezza, e per storia e per dignità di popolo.

Ippolita Sicoli

 

Ī


Comitato Centro Storico Amantea

S.O.S. del 'Comitato Centro Storico Amantea' contenuto in una lettera inviata al ministero e alle autorità regionali a pochi giorni dal crollo del costone, che avrebbe potuto causare una strage.

Il Comitato Cittadino da anni si batte per la messa in sicurezza e la valorizzazione di uno dei borghi più importanti per storia e per patrimonio architettonico. Per il centro storico di Amantea non c'è più tempo da perdere. Servono interventi subito e su più fronti. Servono risorse adeguate e una struttura creata ad hoc per il recupero e la rinascita di un borgo che è un vero e proprio scrigno di arte e storia.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001