Dov'è piu' la serieta' oggi?
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Dov'è piu' la serieta' oggi?

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Dov'è piu' la serietà oggi?
Dov'è piu' la serietà oggi?

 

Dov'è più la serietà? Quando si comprende che l'onestà è solo oggetto di colloquio con cui catalizzare l'attenzione dell'uditorio, si comprende il perché oggi non vi sia più alcuna serietà se non nell'atteggiamento falsamente riverente verso chi ascolta e si fida di chi parla.

Lo riscontriamo nel comportamento dei medici a iniziare da quelli di base che, venendo meno al giuramento professionale, si sono rifiutati di visitare a domicilio i pazienti ai primi sintomi, lasciando che ingolfassero i pronto soccorsi degli ospedali e venissero di fatto uccisi da terapie invasive oltreché errate. La Medicina è difficile che finisca sotto accusa ma, di certo, qualche parola contraria sarebbe il caso di spenderla dal momento che tanti medici affermati stanno rivelando svariate lacune nel ramo specifico della virologia. Evidentemente le università sovraffollate di corsisti non riescono a sfornare veri medici o forse ancora, una volta, il sistema clientelare ne impedisce la selezione post laurea e anche prima. Si aggiungano le continue e numerose latitanze dei docenti di cattedra che spesso demandando ad assistenti e ricercatori responsabilità che risultano essere di fatto approssimative. Insomma, ci sarebbe da dire e tanto sull'argomento, ma in politica si preferisce tacere e gridare alla bufala, quando qualcuno tende a divulgare la verità e come stanno i fatti.

La politica tace, continuando a spingere i cosiddetti luminari coscienziosi e virtuosi che girano per i programmi televisivi, nonostante alcuni di loro avessero dato più volte l'addio. Anche chi aveva impugnato l'arma dell'onestà, giunto in parlamento, ha preferito avvalersi dell'allineamento alle teorie del regime sanitario, voltando le spalle e tacciando di falsità medici ed esperti che remano controcorrente. È il mistero della poltrona. Una volta occupata, si dimenticano i reportage pirateschi e quanto altro. Ingenui o forse meschini? Non voglio essere malpensante verso tutti e credo che una piccola parte di questi sia stata ingenua come me, tanti altri solo in partenza. Di una cosa dovremmo essere grati ai vecchi politici dissidenti, di averci aperto gli occhi e portati a considerare senza mai offuscare l'intelligenza critica di cui ognuno di noi è stato dotato, i fatti come stanno distinguendo i frottolieri da chi dice il vero e si fa promulgatore dei fatti. È triste e deludente vedere passata sotto accusa la controinformazione proprio da parte di quella fetta politica che ne aveva fatto il proprio vessillo e il proprio distintivo. Ci meritiamo Draghi e la finzione di quanti ruotano attorno a lui, temendo che il dissenso li faccia franare e tanto altro ancora che non ci è dato conoscere. Nel frattempo il rimpasto è servito e il Movimento può definirsi finito, non tanto per ignoranza e inadempienze varie, ma proprio per aver trasgredito i principi fondanti. Lo ringraziamo e sempre lo faremo per aver aperto la strada del dissenso o forse, sarà proprio lui a ringraziare noi per la punizione data nel siglare il fallimento di quell'accozzaglia di vedute che non a torto ora dico, veniva definita dall'opposizione "Armata Brancaleone."

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001