Il lato mostruoso di questa pandemia. Ciò che non dicono
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il lato mostruoso di questa pandemia. Ciò che non dicono

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il lato mostruoso di questa pandemia. Ciò che non dicono
Il lato mostruoso di questa pandemia. Ciò che non dicono

 

L'amore spacca il mondo e se ne frega delle restrizioni. L'amore è di chi va senza paura e sfida e vince ogni attesa.

L'amore è trionfo sull'attesa, ma noi ultimamente sembriamo averlo dimenticato. O forse da tempo, e questa epidemia non è che la giustificazione a ciò che manchiamo di dare ogni giorno e dagli ultimi vent'anni a questa parte. Il vero morbo è il virtuale. Da quando è entrato prepotentemente nelle nostre vite ci ha chiusi dentro e noi abbiamo accettato di vivere nelle sue gabbie dorate. Tutto è parso talmente raggiungibile, da rendersi vero e reale. Al punto da farci dimenticare che la verità più della realtà è nell'irraggiungibile che comporta scontri col reale e forti sacrifici per essere vissuto. Il virtuale è il non vivere e questa pandemia lo vuole dimostrare.

Perché non si fa nulla per superare le ingiuste restrizioni imposte? Perché tutti accettiamo stando a guardare? Un tempo in cui si viveva di vicinanza anche fisica, tutto questo sarebbe apparso intollerabile. I soldati sfidavano la sorte e le intemperie. Malconci si presentavano senza fiori e disadorni ma col cuore gravido all'amata non vista per mesi, e lei lo abbracciava. Oggi nessuno o quasi rischierebbe tanto. Siamo talmente succubi dei filtri, che l'idea di approcciarci la prima volta senza capelli tinti o aggiustati ci fa mancare di comparire all'appuntamento con la realtà fuori dagli schemi cibernetici.

Quante coppie non si incontrano da mesi? Lui su e lei giù e viceversa. È la regola. Vite spezzate da incontri latitanti o mancanti. C'è la rete a unire o a disperdere questo legame labile che cade con la scusa della mancata connessione. Quanti hanno intrapreso una relazione vera, lui su o giù, concreta, che ha sbaragliato le unioni funzionanti da tempo e ormai come si dice comunemente, sicure o collaudate? La realtà trionfa sempre e spesso silenzia la verità dell'intenso vissuto. Il carnale in un tempo in cui ci si guarda allo specchio e ci di vede vuoti diventa il raggiungimento di ogni pienezza.

Ecco a cosa serve la pandemia! A far dimenticare le reciproche responsabilità. Perché la vita è innanzitutto muoversi lungo una scala fatta di priorità, che richiede impegno serio e motivato da parte di ciascuno di noi. Oggi la pandemia ci riempie di scuse come la rete fino a qualche tempo fa. Non c'è rete e tutto salta. C'è la pandemia e si giustificano i disservizi burocratici, le inadempienze personali e il mancato esserci l'uno per l'altra e viceversa. Senza reciprocità, nulla regge e intanto a noi sta bene così: vivere da impoltronati sul divano, fantasticando il calore di un corpo che non desideriamo se non sul piano del sogno. Siamo divenuti così sostituibili e inutili! Come i vecchietti parcheggiati negli ospizi, un impegno fisso fino a un paio di anni fa. Ora non più e per la pandemia si giustificano le assenze.

Tutto questo è mostruoso e io non lo accetto. Purtroppo è la normalità accettata da chi rifiuta di mettersi in gioco con tutto se stesso e prende a risate se non a sassate chi ancora crede a un reintegro nella propria individuale umanità, e lotta contro i mulini a vento.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001