Sanremo 2021 e il trionfo del neutro
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Sanremo 2021 e il trionfo del neutro

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Achille Lauro, bacio con Boss Doms (Ansa)
Achille Lauro, bacio con Boss Doms (Ansa)

 

Il genere neutro in greco antico e poi in latino identifica tutto ciò che è inanimato o che sia impersonale. La prima definizione attiene alle cose e a tutto ciò che sia stato prodotto e costruito dall'uomo. Per gli antichi ogni cosa aveva un'anima riscontrabile nelle definizioni di maschile e femminile, di animus e di anima.

La storia delle cose fa la storia dell'uomo e viceversa, partendo dal presupposto che tutto ha una sua storia, ha una genesi che obbedisce a un ordine sequenziale, ben espresso dal verbo greco "Ghignomai". Oggi si sente un gran parlare del genere neutro e in applicazione al genere umano. Il programma Gender Fluid prevede che sia l'individuo a stabilire già in età infantile, e dagli otto anni d'età, a decidere il proprio sesso. È questo quanto approvato dalle Sinistre non solo qui in Italia ma in tutti quei Paesi dalla forte incidenza globalista, e anticipato da Biden nella sua campagna presidenziale.

Il Neutro sostenuto a pieno titolo dalla campagna ideologica grillina, è andato via via trovando sempre più spazio nelle recenti edizioni del Festival di Sanremo e in particolare nell'ultima, che come abbiamo imparato da tempo, non è più solo un concorso canoro ma l'occasione di lancio e di affermazione di modelli controtendenza o che si presentino come tali. Quest'anno la kermesse ha lasciato parlare di sé relativamente, nonostante non siano mancati i colpi di scena. Per nulla menzionato è stato il carattere delle canzoni. La forte impronta rapper ha cercato di integrarsi, spesso con esito incerto, al vecchio carattere melodico della canzone italiana. In ogni caso più o meno rabbiosamente è emersa la necessità da parte dei giovani di raccontare e raccontarsi attraverso i brani interpretati. Si racconta ciò che si vive e in modo partecipato con tutto se stessi, ma in una realtà che ti obbliga a non vivere per paura della morte, il vissuto precipita nel limbo e così una visione consequenziale e narrativa della propria esistenza. I giovani oggi vivono in assenza di un supporto narrativo che abbia l'aspetto di una linea retta o contorta che sia, ma pur sempre una linea. La didattica a distanza, il ritmo schizoide apri e chiudi danno luogo a una rappresentazione della vita simile a quella di segmenti disarticolati tra loro. La musica sopperirebbe a queste frammentazioni e ciò si mostra un fatto del tutto nuovo rispetto al passato in cui la frammentazione era legata all'impossibilità di costruire un dialogo tra le parti divise per fasce di età e per classi sociali.

Oggi la frammentazione si è imposta come cultura vigente su scala mondiale, imbottigliando i giovani che non si sentono padroni della propria vita per giunta lacunosa o inesistente del tutto. I look strambi sono sempre stati motivo di polemica a proposito del festival, ma quest’anno rispetto al passato si è avvertita la tendenza a rendere normale la stravaganza, poiché negata l'originalità come scelta interiore. Preoccupante a riguardo, la presenza come nuova normalità del gioco ambiguo dei sessi. Achille Lauro ma non solo. Con lui Fedez e i vincitori del festival hanno proclamato la vittoria del genere fluttuante e di quella forma di ambiguità totalmente diversa da quella affermatasi negli anni Settanta e Ottanta in cui si voleva mettere la propria firma a un look che descriveva a pieno titolo una scelta e non un trend ideologico prestabilito. Oggi la storia è totalmente un'altra. Si tende ad andare incontro alla società bionica e robotica. Storia vecchia! Dirà qualcuno. Abbiamo dimenticato forse David Bowie, i Rockets o i Kiss? Giusto per citarne alcuni. Il paragone non regge. Erano gli anni degli avvistamenti ufo e in cui grande clamore trovavano i files secretati dell'Area 51. Si cercava il gemellaggio con i figli delle stelle per ritrovare quella spiritualità offuscata dalla rivalsa della nuova economia liberista portata avanti dalla Tatcher e poi diffusasi in tutto l'Occidente. Erano gli anni dei film "Space" in tivù e al cinema, mentre comparivano in televisione le prime serie di manga giapponesi ad indirizzo fantascientifico alieno.

Oggi non vi è a riguardo dell'ambiguità alcuna ricerca di emancipazione spirituale e all'opposto, gli alieni sarebbero citati e invocati proprio da coloro che vorrebbero un'inversione di tendenza a questa distorsione imposta sull'uomo e sull'ambiente.

"Ha vinto il rock" ha esultato Vasco Rossi, col dubbio però, che più che a vincere il rock convinto, sia stata una scelta ben oculata. Ermal Meta si è classificato terzo per omaggiare il primo approdo degli Albanesi alle coste italiane ben trent'anni fa, e in particolare al porto di Bari. Allora la vittoria dei Maneskin potrebbe essere stata studiata a pennello per nascondere l'orientamento verso il trasformismo politico e di costume di un'Italia fluttuante ed europeista, in balia delle tenebre e che vaga alla ricerca di un porto sicuro in cui potersi riconoscere.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001