La Puglia e la storia finita
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La Puglia e la storia finita

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La Puglia e la storia finita
La Puglia e la storia finita

 

Mi mancano tanto le atmosfere soffuse dei jazzclub. Il jazz e le sue pulsioni sconvolgenti... tutta un'altra vita. La cosa più triste è che queste atmosfere io le lego a una Bari che non riesisterà più e che mi ritorna nelle impronte indelebili che mi ha lasciato.

In quel connubio intricato che lega l'ambiente alla musica. La musica, luce e ombra traccia gli ambienti. È pittura e vernice fresca che si alternano. È luce e il fascino destato dalla penombra in cui adesso dimoro e che mi permettere di discernere i fatti nitidamente. Bari mi ha lasciato il gorgo della profondità. La vertigine di chi scende e si estranea dalla realtà intorno. Ero in quelle atmosfere ma per conto mio, con gli occhi di una studiosa che se ne sta acquattata in un angolo come una gatta bambina. Bari mi ha fatto capire che l'infanzia è dentro di me e che gli infantilismi sono nocivi perché non mi appartengono. Così come non mi appartiene l'immaturità che mi circonda oggi e che traccia la definizione perfetta di questa società. Si ha paura per sentirsi vivi. Si ha paura a non se ne può fare a meno e pertanto la si insegue come fanno i bambini che rincorrono ciò che temono perché pensano che tutto sia un sogno o un racconto fiabesco da cui riaversi alla fine del gioco.

Bari non è più la città che ho conosciuto e che mi porterò dentro. La Bari degli anni Novanta innamorata di acid jazz e funky. Di quella modernità che ci lanciava incontro alla vita. C'era un entusiasmo ammorbante nel desiderio di sfidare se stessa. Bari come la Puglia intera ho smesso di riconoscerla perché morti sono i suoi ideali di musica e vitalità. L'ho capito l'ultima volta che sono stata a Polignano. Una frenesia accesa regnava, una confusione che metteva all'angolo i poveri e i soli, le persone non ammesse a quell'incanto. Una specie di fiera animata da coppie felici e comitive di giovani. Un confusione che isolava sempre più chi restava a guardare e non vi si riconosceva. La Puglia di oggi è gonfia e tronfia. Dal suo piedistallo pensa di dominare e dettare legge. La fiera è svanita, divorata dall'illusione e la realtà si mostra per quella che è. Tutto ciò che è stato, è servito a tracciare la via del potere, portando in alto chi come Vendola vorrebbe la Bellezza stravolta e in conflitto con la sua genitrice che è la Natura. Che vorrebbe quindi l'Arte come corona a chi la omaggia per proprio lustro e tornaconto. La Puglia regina del turismo e dei bagni di folla... che corre dietro alle velleità della gente, che vuole piacere ma non piacere a se stessa. Adesso vittima di un'ingordigia che la divora dall'interno con l'ignoranza di chi la amministra. Un'ignoranza rozza e mercantile che alza la testa perché in sintonia col mondo dall'ideologia imperante che discrimina dove vorrebbe mettere pace. Che distrugge lì dove dice di voler salvare. La Puglia dell'avida libertà che scorre tra i party tirati fino all'alba e le discoteche sul mare. La Puglia che con arroganza detta le linee guida dell'obbligo vaccinale e che non è amica di quel Meridione sincero che lei sfida e che in lei non vuole riconoscersi.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001