Covid, il terribile sospetto sull'India
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Covid, il terribile sospetto sull'India

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Covid, il terribile sospetto sull'India
Covid, il terribile sospetto sull'India

 

La gatta per la fretta rischia di fare i figli ciechi, si suol dire, ma qui, da quando è partita la campagna vaccinale, in gioco non c'è solo la vista ma la vita delle persone. Si sta verificando nel Mezzogiorno e non solo, che nella confusione dettata dai vari vaccini pronti all'uso una trascurata informazione circoli proprio tra gli addetti all'inoculazione, causando ulteriori disagi se non proprio vittime.

Confusione dettata dalla sperimentazione dei vaccini, o altro? Probabilmente si tratta ancora una volta di un piano articolato a pennello, allo scopo, come abbiamo ben capito, di procurare danno e ulteriori bestie da macello alle insaziabili lobby farmaceutiche, oppure come scopo vi sarebbe ancora una volta la famigerata ormai, riduzione della popolazione tra anziani e problematici che gravano sull'INPS e sulle casse dello Stato. Famigerata ormai, perché detto e ripetuto proprio dagli artefici del piano, che curano anche la regia dell'informazione televisiva e mediatica.

Il regime terapeutico al servizio dei sistemi capitalistici che governano il mondo pare non si sia fermato qui. In India è esploso il delirio pandemico. Vera o presunta che sia la strage, dietro c'è il sospetto che la responsabilità di quanto stia avvenendo sia proprio dei grandi potentati globalisti che tramite le armi del vaccino stanno radendo al suolo intere fette di popolazione allo scopo di allarmare l''Occidente e di immettere sul mercato dei Paesi industrializzati altri vaccini ancora più potenti e letali. Ciò sarebbe dettato dall'esigenza di dover fronteggiare la terribile variante indiana. Terribile da non credere, ma è la strategia che ormai abbiamo imparato a conoscere a dovere. L'India, temibile concorrente della Cina, sicuramente più avanzata sul piano tecnologico, è messa fuori gioco dai sostenitori della via della Seta e dagli Atlantisti al soldo della Cina che di fatto ha lanciato sui mercati esempi altamente organizzati sulla speculazione della classe operaia di servizio alle grandi lobby mondiali. Caporalato, lavoratori sottopagati e sfruttati, invalidamento effettivo di tutti i traguardi conseguiti a seguito di anni di dura lotta sindacale sono la fonte della futura ricchezza della classe dominante refrattaria a garantire assistenza alle cosiddette fasce deboli della società, destinate quindi a perire tra vaccini e altro.

Quanto già visto con la sperimentazione dei vaccini nelle favelas sudamericane viene riproposto a sfavore dell'India, dove il clamore mediatico della pandemia supera di gran lunga il numero di morti. L'India conta più di un miliardo di abitanti, molti dei quali senza fissa dimora. Le strade sono carnai di giorno come di notte e ciò spiega le pire accese di cadaveri e l'intasamento della circolazione.

Il grande circo mediatico non risparmia nessuno e agisce a più livelli e a più longitudini e latitudini. Occorre che noi spettatori ci manteniamo vigili per non cascare nei subdoli tranelli di chi ha architettato questa brutale matrix.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001