La famiglia e i duri attacchi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La famiglia e i duri attacchi

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La famiglia e i suoi duri attacchi
La famiglia e i suoi duri attacchi

 

Meglio due tre famiglie che mantenere tutta l'Africa a spese degli Italiani. La famiglia è comunque famiglia. C'è chi invece non ha più il concetto della stessa ed è questo uno degli obiettivi che i Sinistri si sono prefissati di raggiungere per mezzo dello stravolgimento della società.

La famiglia riconosce obblighi e diritti. Poggia su una visione organica di ciò che è morale e di ciò che esula da questa categoria. Il problema di oggi non è tanto la ramificazione di più famiglie dalla stessa base, ma la cancellazione del concetto di famiglia, possibile grazie al contributo della scellerata battaglia LGBT.

La famiglia come realtà ordinata e configurata all'interno della società ha subito dal Sessantotto duri attacchi demolitori partendo proprio dalle tante Sinistre tutte indirizzate verso lo stesso obiettivo che è quello di rendere vulnerabili i giovani, estrapolandoli dal ceppo di provenienza. La società fluida da lì ha avuto inizio non considerando in alcun modo tutto il corredo sacrale, più che tradizionale, legato al nucleo famiglia. Lasciando stare i riferimenti alla troppo schedata "Sacra Famiglia" di Gesù presa d'esempio dalla cultura giudaico cristiana, la famiglia è il terreno pilastriale dove si formano i primi ricordi legati indissolubilmente dal filo ancestrale del patrimonio genetico spirituale. Chi non possiede ricordi, non ha sostanza perché non è. Altro è la memoria, sede della polverizzazione del singolo che non ha più alcun punto di riferimento culturale né sacrale. Che si accetti o no, la famiglia è la sede della formazione etica dell'individuo e forse ciò dovrebbe aprire accesi dibattiti su tutto quanto viene percepito e respinto come etico nella realtà mondialista odierna.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001