Nella europeista Trento. Riflessioni su una politica raccapricciante
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nella europeista Trento. Riflessioni su una politica raccapricciante

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Sara Pedri
Sara Pedri

 

Nella reiterata e ormai asfissiante propaganda vaccinale non è passata sotto silenzio la notizia della laurea ad honorem assegnata a Trento a un nostro connazionale morto in un attentato di matrice islamica.

Come prevedibile è stato sottolineato e a gran voce l'impegno del giovane per la costruzione di un'Europa solidale, aperta e in linea con la cultura immigrazionista. Trento cosi si riconferma provincia europeista che sta svendendo se stessa alla lucrosa fluidità sociale e culturale programmata dal regime mondialista, che prevede la tutela ad oltranza degli immigrati ai quali vengono assegnati privilegi a noi cittadini italiani mai accordati. Ricordo che Trento è balzata agli onori orrori della cronaca per la triste vicenda delle dimore domiciliari estorte ai suoi cittadini e assegnate agli extracomunitari con modalità che non esito a definire anomale e mafiose. Un sistema tentacolare omertoso che autorizza i numi tutelari dei servizi sociali a intervenire e a procedere per garantire la proprietà privata di altri agli immigrati, come secondo il programna delle Sinistre europeiste. Sempre nella civile Trento pesa l'incognita sulla scomparsa della giovane ginecologa Sara Pedri a cui nessuno sembra prestare il dovuto interesse, a incominciare dai colleghi dell'università che l'aveva accolta. Vicende molto gravi, tutte accomunate dalla falsità di un sistema governativo ormai inesistente, oltreché inefficace nella tutela dei valori nazionali e patriottici e men che meno identitari in riferimento alla comunità di appartenenza.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001