I tempi attuali e la società di canidi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

I tempi attuali e la società di canidi

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
I tempi attuali e la società  di canidi
I tempi attuali e la società di canidi

 

Gli Italiani degli utlimi tempi mostrano di preferire i gatti ai fedelissimi amici dell'uomo: i cani. Perché forse meno impegnativi? Può essere, ma e soprattutto per la dimostrazione di libertà a cui noi come popolo non siamo ancora preparati.

La libertà è da sempre accompagnata alla maturità e per innalzare il livello della maturità individuale prima e poi di popolo, fondamentale è la formazione anche scolastica. È un dato di fatto che l'istruzione sta cedendo sempre più il passo all'informazione spicciola e scarsamente impegnativa sul fronte della riflessione, penalizzando considerevolmente proprio la formazione, il grande obiettivo della vecchia scuola. L'informazione è unilaterale e perseguita proprio da quelle dittature che vogliono l'essere umano ridotto al burattino che esegue i comandi. L'impostazione militarista è stata spesso utilizzata per screditare le Destre le quali però, tramite il severo uso dei mezzi informativi, avevano come obiettivo quello di innalzare i valori umanistici e identitari. La persona e non l'individuo, a garantire la trasmissione dei connotati sacri dell'Assoluto. Basti pensare a Evola per comprendere di cosa io stia parlando e al precursore di tutte le Destre ideologiche che è Nietzsche. Il conservatorismo delle Destre si è sempre mostrato motore di quel.progressismo che conduce e non induce. Duce: condottiero, era il titolo con cui si fregiava e non a livello autoreferenziale (cosa che molti storici rossi hanno invece sottolineato a scopo demolitore) Mussolini. Il fascio in contrapposizione alla falce la dice tutta. Il grano è sostentamento e nutrimento e cresce spontaneamente a identificare la moltitudine che ha un vero e grande obiettivo: portare avanti e innalzare sul piano della consapevolezza la propria natura che si esprime nella molteplicità.

Lo squadrismo fascista è difesa e non attacco di quei principi basilari che fanno di un popolo il passato, il presente e il futuro. Altro è invece lo schieramento di automi ai quali l'egemonia delle Sinistre globaliste ci sta piegando, uccidendo difese e confini che nell'etica umana, traendo ispirazione dalla Natura, esistono da sempre. Se la Destra in passato ha teso.a trasformare il popolo in felini capaci di portare avanti la propria stirpe nel pieno rispetto della loro natura, le Sinistre ci stanno convertendo in cani con museruola ( la mascherina) e guinzaglio: green pass e obbligo vaccinale. Il cane nelle sue qualità meno nobili è diventato il simbolo di questa civiltà contraddistinta da una grave spersonalizzazione a cui corrisponde pienamente il radicalismo islamico. "Volto" da "volgere" come da me in altri articoli puntualizzato, fa riferimento alla capacità dell'uomo di muoversi in più direzioni. Il volto trasmette attraverso la libertà espressiva l'identità di una persona, principio a cui il buon Cristiano dovrebbe sempre essere educato attraverso l'episodio della Veronica che ci ha trasmesso nei tempi l'inconfutabile volto del Cristo. Purtroppo anche la Fede privata della sua libertà immaginativa è sotto il tiro di forti pressioni e condizionamenti. Il volto dei Cristiani oggi è il muso dei cani, come suggeriscono le mascherine FP 2. L'ubbidienza ha scalzato l'obbedienza dei sacri valori che dovrebbero in una sana società edificare gli individui, affinché si mettesse in luce la reale identità di persone.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001