Abolizione dell'ora di Religione. Le ragioni del no
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abolizione dell'ora di Religione. Le ragioni del no

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Abolizione dell'ora di Religione. Le ragioni del no
Abolizione dell'ora di Religione. Le ragioni del no

 

A cosa serve l'abolizione dell'ora di Religione? La nuova religione del futuro sarà la religione imperante ed è quanto inseguono i 5Stelle. Indiscussa sovrana e miraggio di un Assoluto mandato in pensione e severamente riarchitettato dalle ambizioni umane.

Che l'ora di Religione fosse considerata obsoleta per le modalità di svolgimento penso che sia incontestabile. Ma da qui a progettare la sua sospensione ce ne passa. Al di là della retorica che vede la Religione brandello di un sistema culturale identitario ormai in frantumi, c'è l'occasione mai considerata di ritenere l'ora di Religione portatrice e divulgatrice di valori fondanti l'uomo nella sua ontologia. Valori miliari incontestabili che ineriscono l'etica, la sociologia e l'interdisciplinarietà umanistica. È l'occasione persa per poter nutrire le materie filosofiche ormai accantonate e ristrette a sporadici indirizzi.

Il dio robot sostituto del Dio Principio Primo e Supremo dell'Universo. Di una tristezza e di un detrimento animico che fa rivoltare gli aspetti più sensibili dell'essere umano e impone rigidi e severi interventi affinché l'onda dissolutrice dell'essere umano venga contenuta. Complice di questa deriva umana la farlocca pandemia che mostra l'esigenza di dover investire nel comparto tecnologico per garantire una vita duratura in termini temporali ma vuota e scarna in termini di contenuti. Lo spazio della qualità della vita va riducendosi di pari passo con l'avanzamento della nuova ideologia che pone al centro l'ospedalizzazione. Tutto un sistema di montature erto a dovere per nascondere le vere finalità mondialiste del contenimento della popolazione, a incominciare dalla soppressione dei più deboli.

Le discipline umanistiche insegnano a pensare, così come lo studio delle Religioni ben condotto nelle scuole. È chiaro che questo rappresenta uno scoglio all'egida dei potenti che dirigono il mondo e sopraffanno le esigenze dell'anima, svuotandone i contenuti.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001