L'integralismo talebano e un'identità che scoppia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'integralismo talebano e un'identità che scoppia

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
L'integralismo talebano e un'identità  che scoppia
L'integralismo talebano e un'identità che scoppia

 

Tovo giusta l'analisi presentata dalla Meloni a proposito dell'avanzata dei Talebani e della loro conquista dell'Afghanistan. Abbiamo tanti Afghani  in Europa tra rifugiati e altro e mi chiedo questa rivalsa dei Talebani quali danni traversi arrecherà.

Servirà  forse a esacerbare  l'odio verso i Paesi dell'accoglienza  indiscriminata? Può  essere! i figli dei nomadi, gli Arabi e le loro stirpi non sono abituati all'idea del niente per niente e ragionano solo nella prospettiva  di un utile. Talebani, fans di Osama sicuramente  tramontato solo per Usa e Nato e nuclei integralisti emergenti sono tutti sotto la stessa cupola del radicalismo islamico. Se accogli indiscriminatamente, qualcosa non di buono avrai nelle intenzioni. È  questo il messaggio che velatamente  lanciamo a una schiera di gente non educata ad agire senza il proprio tornaconto. E forse non sbaglia. Chiarisco quanto da me precisato in precedenza.  Se i vu cumpra'  africani mantengono una indole pacifica, chi è  arrivato qui dai Paesi Arabi  mascherato da ragioni di necessità  lavororativa, e ha prestato fede alla propria identità,  costituisce una seria minaccia e non mostra di essere diverso da tanti occidentali che lucrano e portano avanti politiche mai dichiarate. L'identità  diventa un rischio laddove è violentata da sopraggiunte interpretazioni sicuramente  a favore di pochi affaristi che innalzano la voce della violenza per giustificare davanti al popolo le loro meschine e del tutto arbitrarie ragioni.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001