Il rave party della Tuscia. Nessuna sorpresa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il rave party della Tuscia. Nessuna sorpresa

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il rave party della Tuscia. Nessuna sorpresa
Il rave party della Tuscia. Nessuna sorpresa

 

Chi sono i giovani del rave party nella Tuscia? Forse la loro identità spiega la mancanza di interventi da parte delle autorità? Sicuramente sì.

È vero che il più delle volte le forze dell'ordine tendono a sanzionare gli individui più che la massa disobbediente, ma quanto sta accadendo nella Tuscia è un caso a parte.

Tutti sapevano e nessuno ha pensato di intervenire. Si è sottovalutata la portata dell'evento? È fuori discussione. Siamo sorvegliati e nulla sfugge alla dirigenza dei social e a chi ha in pugno il flusso di notizie e informazioni nei canali virtuali. Il tam tam e il passaparola per darsi appuntamento al rave si sapevano, eppure nessuno ha agito intervenendo preventivamente per bloccare tutto.

Chi sono questi giovani? Dovremmo quindi porci.

Se andassimo a indagare, scopriremmo che sono tutti figli o pedine di chi opera all'interno della piovra mondialista. Roulotte e camper che sarebbero troppo per giovani vandali squattrinati. Droga e tanto altro, tatuaggi e look bestiale non sono di certo una novità per chi è all'interno delle Ong e si ritiene diverso e in opposizione alla massa, pur facendo l'interesse di chi pilota media e traffici umani.

Violenza e inconsistenza dietro quell'atteggiamento di naturalità forzata che di certo non li distingue in bene dai figli di papà che già a 18 anni hanno tra le mani la conduzione di yacht e panfili.

Loro possono, noialtri no. A loro il green pass non serve perché senza semafori d'obbligo. Liberi di spostarsi dove e come gli pare perché un compito ce l'hanno: portare scompiglio e diffondere allegramente malattie e infezioni, tra queste anche il Covid e protrarre così misure e restrizioni per noi gente comune. Loro lo sanno e tacciono. In compenso, anarchia e sregolatezza e fiumi di droga come ben servito. Peccato che ci scappi il morto, ma per chi vive sulla strada che sceglie quotidianamente come sfida al mondo, questo è un rischio che vale la pena di correre oppure, lo scotto pesante da pagare.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001