Il Green Pass nella vacuita' del nulla
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il Green Pass nella vacuita' del nulla

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il Green Pass nella vacuità del nulla
Il Green Pass nella vacuità del nulla

 

Le epidemie nascono e si esauriscono da sole. Tutte le strategie adottate attualmente per il  contenimento della "pandemia" da Sars-Covid servono a  rimandare a un tempo indefinito la fine della stessa.

Il Green Pass abbassa la percezione di rischio del contagio. Ciò lo stiamo riscontrando e soprattutto lo abbiamo riscontrato questa estate. Ovunque, assembramenti e feste non autorizzate, a cui hanno aderito proprio quei giovani convinti dello scudo protettivo del Green Pass in loro possesso.

Il Governo non aveva forse previsto queste situazioni? Dal momento che le istituzioni poco hanno fatto se non un bel nulla per contenere l'afflusso ai rave party, è lecito pensare che nessuna misura è stata realmente presa per contenere i contagi. Al contrario, tutto si mostra finalizzato a mantenere viva l'emergenza, e questa deduzione è suffragata dalla campagna vaccinale partita proprio durante il picco pandemico.

A chi serve il Green Pass? In ambito lavorativo sicuramente ai locali di ristorazione e ahimè purtroppo tanti, usato come certificato di garanzia da esibire ai clienti scettici. Il Green Pass viene quindi utilizzato per altri scopi tesi a camuffare la scarsa qualità dei servizi dei locali di ristorazione divenuti la fotocopia di una realtà in cui tutto è assorbito dall'emergenza Covid e ad essa indirizzata. Un tempo le volanti facevano i consueti giri di ronda per assicurare l'ordine pubblico. Oggi ciò non accade più da nessuna parte. Le città versano in condizioni di degrado assoluto. La polizia sembra fuggire dagli assembramenti perché non chiamata a intervenire nelle situazioni di ressa, solo ed esclusivamente a colpire i singoli. Niente più controlli per verificare il rispetto delle normative igienico sanitarie e la qualità dei cibi. Basta il Green Pass e i fanatici se ne fanno lustro in un mondo che guarda all'apparenza ma ignora la sostanza.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001