L'immigrazione, la faccia sporca del Covid
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'immigrazione, la faccia sporca del Covid

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
L'immigrazione, la faccia sporca del Covid
L'immigrazione, la faccia sporca del Covid

 

C'è il sentore che la somministrazione dei vaccini subisca una brutta battuta d'arresto. Ciò in piena campagna vaccinale e con l'obbligo dei Green Pass per giunta, che sta portando il Paese sull'orlo di una guerra civile.

Chi dunque potrebbe avere interesse a rallentare la macchina delle somministrazioni? Nonostante i media allineati al main stream non facciano altro che lanciare allarmismi, tralasciando le altre notizie, l'emergenza barconi è ripresa e con maggior vigore. Tanti sono i rappresentanti delle istituzioni che si sono offerti per l'accoglienza anche di profughi e richiedenti asilo provenienti dall'Afghanistan, che andrebbero a sommarsi agli immigrati dei barconi.

Sembra che in Italia a tutto si possa rinunciare, fuorché al traffico dell'accoglienza che frutta lauti guadagni non quantificabili, non solo alle Ong. L'antitalianità di cui tanto si è parlato prima dell'era Covid, sta mostrando il suo volto più crudo in questa campagna vaccinale che di accontentare chi reclama l'obbligo proprio non ve vuole sapere. Nonostante le restrizioni, i ricatti e le costrizioni al Green Pass, il Governo sembra trarre numerosi vantaggi dagli irriducibili No Vax. Quale in testa? Dal momento che i contagi sono in risalita ovunque e soprattutto al Centro Sud dove sono dislocati gli hot spot, i non vaccinati sono presi di mira per coprire la fallimentarietà dei controlli sugli immigrati, la vera causa della diffusione del virus. I primi responsabili insieme a chi non fa il suo dovere tra autorità locali e sanitarie c'è chi come spiaggia evade, sottraendosi a tampone e a quarantena. Nelle prime postazioni di accoglienza le regole saltano e, checché se ne dica, a saltare sono pure i fittizi accordi con l'Europa sempre più scaricabarile. Covid e immigrazione sono legati a doppio filo. Guai a far saltare il giro d'affari.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001