Il vaccino antiCovid e l'obbligo che non c'e'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il vaccino antiCovid e l'obbligo che non c'e'

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il vaccino antiCovid e l'obbligo che non c'è
Il vaccino antiCovid e l'obbligo che non c'è

 

Gli insegnanti dovrebbero dare il buon esempio, dicono gli "esperti". Strano però, che nessuno controbatta che spingere i propri alunni a sottoporsi a un siero non obbligatoriono in quanto sperimentale e immesso sul mercato in tutta fretta, non è di certo degno di lode o esempio.

Spesso nelle trasmissioni televisive allineate al Sistema, si sente tirare in ballo i tradizionali vaccini salvavita come l'antipolio, l'antimalaria ecc... che sono obbligatori. Appunto, sono obbligatori. E allora perché l'antiCovid non lo è? Perché è sperimentale, la qual cosa, tradotta in termini di legge, significa che in caso di reazione avversa, il vaccinato non può aspettarsi dallo Stato alcun risarcimento. Non è un cavillo da poco se teniamo conto che l'Aifa ha dichiarato ultimamente di aver sottostimato la percentuale delle reazioni avverse di ben 1000 volte. La domanda lecita: può uno Stato che si sgrava di ogni responsabilità imporre un vaccino non obbligatorio ricattando i cittadini sul piano del lavoro? "Rifiuti? Sei licenziato". Ed è su questo punto che insistono le denunce di privati e associazioni a difesa dei diritti del singolo cittadino che non si vede più rappresentato da uno Stato che mostra di saper riconoscere solo diritti propri e imposte, a scapito di doveri e responsabilità. Quanto detto dovrebbe far capire che lo Stato italiano ha di fatto abdicato alla Scienza e che chi comanda attualmente è il manipolo di virologi del CTS. Quali le conseguenze a breve e a lungo termine? Siamo sull'orlo di una guerra civile che potrebbe assumere dimensioni importanti se il Green Pass venisse imposto a tutti indiscriminatamente. Ci troveremmo qui in Italia in una doppia guerra, e civile e mondiale se teniamo a mente i fatti dell'Afghanistan che vede intrecciare il proprio dramma con quello di dimensioni planetarie che lega immigrazione e Ong.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001