Richiamo 1, richiamo 2, richiamo 3. Benvenuti nell'era del Green Pass
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Richiamo 1, richiamo 2, richiamo 3. Benvenuti nell'era del Green Pass

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Chiamata 1, chiamata 2, chiamata 3. Benvenuti  nell'era  del Green Pass
Chiamata 1, chiamata 2, chiamata 3. Benvenuti nell'era del Green Pass

 

Richiamo 1, richiamo 2, richiamo 3... è così che è stata inaugurata l'era del Green Pass, per riappropriarci della nostra vita e della nostra normalità, ci viene detto, come se per la nostra vita e la nostra normalità dovessimo chiedere il permesso a qualcuno.

Dal monento che questa è la strada tracciata dai governanti, sarebbe giusto chiedersi se il cittadino è considerato ancora persona o piuttosto prodotto dello Stato. Non è un caso che il Green Pass ricordi il codice a barre apposto sui prodotti immessi sul mercato, rendendo tangibile ma ancora fantascienza nei più ottusi per i più ottusi la rivoluzione socioeconomica d'impostazione cinese che vede l'individuo una marionetta o meglio uno strumento utile al fine di portare potere e soldi alla dirigenza imprenditoriale. Ogni istituzione, dalla laica alla religiosa, viene riconosciuta complice di questa operazione di stravolgimento della società. L'essere umano è considerato non più persona, bensì prodotto manovrabile e gestibile a seconda delle necessità.

Nei miei precedenti articoli mi sono lungamente soffermata su tali argomenti, paventando il passaggio dall'Umanesimo al Tramsumaesimo e andando oltre, all'interazione tra l'uomo biologico e le nuove frontiere cyber che renderanno l'individuo sempre più dipendente dalla tecnologia attraverso i microchip. Storia vecchia, molti diranno. Se ne parla da tanto, ma ancora non se ne vede l'ombra. Solo chiacchiere al fine di screditare virologi e case farmaceutiche. Amara realtà è invece l'aumento dei prezzi che scatterà da ottobre e che getta dubbi concreti sulla cosiddetta ripartenza.

Chi difatti potrà permettersi il biglietto d'ingresso al cinema o al teatro avendo uno stipendio ingessato da tempo, ed è quindi in difficoltà nel pagamento di tasse e bollette? Ancora una volta a trarre guadagno è proprio la Cina, partner indiscussa delle politiche economiche italiane e leader del settore del vestiario a scapito della qualità.

Richiamo 1, richiamo 2, richiamo 3 e la paura di essere prima sospesi, poi liceziati del tutto consolida il rapporto di sudditanza cittadino-autorità. Questo discorso non è valido per tutti, chiaro. Solo per quei cittadini ultimi nella gerarchia del potere ma fondamentali a mantenere in vita questa ben congegnata nuova struttura sociale a cui hanno contributo i tanti cittadini accecati dallo spettro del virus. Il Gren Pass è la garanzia per non sprofondare. Peccato che a non correre questo rischio siano tutti coloro che non sono chiamati all'adempimento di quest’obbligo, a differenza di tutti gli altri, la stragrande maggioranza a cui a quanto pare neanche più il Green Pass sembra bastare, a meno che non sia accaccopagnato dall'esito dell'ultimo vaccino. Il progresso va avanti, ma i diritti sociali sembrano camminare all'indietro e allargare ulteriormente la forbice tra chi è in alto, veramente pochi, e i sottomessi, da decenni mai così tanti.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001