Forza Nuova, l'ultima marcia su Roma
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Forza Nuova, l'ultima marcia su Roma

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Forza Nuova,  l'ultima marcia su Roma
Forza Nuova, l'ultima marcia su Roma

 

Quando si è a capo di un'organizzazione politica eversiva, dico eversiva, non violenta, si dovrebbe sapere che l'accessiva passione può sortire effetti contrari e nefasti. Da sempre come passionali sono considerati movimenti e partiti di Sinistra, coloro che fanno del coraggio sanguigno la spinta alla tutela del popolo e dei suoi interessi democratici.

All'opposto troviamo i lucidi, i neri, coloro che osteggiano il furor di popolo poiché deconcentrerebbe e distrarrebbe dagli obiettivi. Il sangue freddo è sempre stato un deterrente delle Destre oggi alquanto seguite da coloro che vedono seriamente minacciati i principi della democrazia. Che sia o non sia responsabile degli episodi di violenza consumatisi a Roma in luogo delle ultime manifestazioni contro il Green Pass, Forza Nuova si è macchiata di un gravissimo reato che è quello di aver gettato all'aria la fiducia riposta in lei da quanti le riconoscevano il merito di essere l'unica forza politica attiva a favore del cittadino lavoratore. Già si respirava un clima contrario alla Destra in prossimità delle elezioni e tutta la macchina mediatica del fango scaraventatale contro dai rappresentanti del potere è servita a portare al ballottaggio i candidati delle elezioni comunali. Dico al ballottaggio che può essere finanche peggiore di una sconfitta schiacciante per la risonanza mediatica che ne deriva. I sovranismi, le politiche di legittimazione delle identità nel pieno rispetto dei valori umanistici sono d'intralcio al grande disegno omogeneo delle Massonerie totalitariste che continuano a dirigere le sorti del pianeta, nonostante le gravi incrinature a loro interne.

Il progetto nefasto ben congegnato dal Sionismo delle banche e neoliberista ben strutturato sulle basi delle leggi di equilibrio che lo hanno tenuto ben saldo, si sta fratturando al suo interno. A poco sembrano essere serviti i matrimoni combinati tra le grandi famiglie che ne tessono le trame, complice il desiderio implicito e connaturato all'uomo di emergere come individuo anche sul livellamento indotto dal corredo di interessi speculativi. Per non franare e mantenersi a galla non c'è via più consigliabile di quella da sempre battuta e che consiste nello screditare i nemici. È un gioco subdolo che costerà la vita a chi lo ha congegnato ma anche a chi pivellamente gli ha teso la mano in questi ultimi giorni. Castellino avrebbe dovuto con lucidità, con quella lucidità che gli è di fatto mancata, prevedere in quale fossa di leoni sarebbe stato cacciato. Quanto accaduto a Roma ha sciolto le speranze di chi considerava la Destra l'unico referente politico e in più rischia di innalzare ulteriormente l'asticella delle repressioni sociali e liberticide. L'assedio alla CGIL è stato un autogoal dalle tragiche conseguenze che ci apprestiamo a vivere. A prescindere che il lavoro sporco sia stato svolto dagli infiltrati o no, è espressione di una leggerezza e di una immaturità politiche su cui marceranno governanti e giornalisti con l'obiettivo ancora una volta di manipolare e irretire il popolo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001