Giulia e Sara, due ragazze di oggi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Giulia e Sara, due ragazze di oggi

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Giulia e Sara, due ragazze di oggi
Giulia e Sara, due ragazze di oggi

 

Non è possibile che due ragazze del 2000 non conoscano il rischio che comporta l'accettare determinati inviti in orari per giunta poco consoni come le 5 di mattina. Giulia e Sara, due nomi pescati nell'oceano delle nuove generazioni odierne. Due come tante che dovrebbero chiedere scusa a se stesse innanzitutto, per aver bevuto ed essersi rese quindi disponibili e complici dei gravi abusi perpetrati sulle loro persone.

E i genitori? La mamma amica e confidente non si può proprio accettare. I genitori devono fare i genitori. Le madri che in nome della fiducia permettono alle figlie di osare e spingersi ben oltre i recinti della prevedibilità, sono doppiamente colpevoli. La permissività consequenziale in chi ha trascorso una giovinezza risicata è un altro tema che meriterebbe adeguate riflessioni. La madre di Sara è Giulia è una mamma giovane, sicuramente nata e cresciuta negli anni Ottanta se non dopo, in un tempo in cui di permissivita' ce n'era e già troppa. L'emancipazione femminile era un dato di fatto, una conquista sociale assodata. Non parliamo di una donna maturata nell'immediato dopoguerra. Questo or ora puntualizzato è un aspetto importante che richiederebbe mature riflessioni e aprirebbe un dibattito sugli orientamenti attuali della società e su quanto avvenuto nei decenni precedenti che ha sicuramente contribuito a tracciare il percorso dell'irresponsabilità e della faciloneria che riscontriamo nei giovani di oggi. Due facce della stessa medaglia, in cui il carnefice è innanzitutto il divoratore di se stesso.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001