Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Sab, Nov
0 New Articles

Abbiamo 389 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La Locri di Libera e lo scivolone di Don Ciotti

La Locri di Libera e lo scivolone di Don Ciotti

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ho sempre mostrato una certa perplessità verso le grandi manifestazioni popolari, ma questo mio atteggiamento condivisibile o meno, ad ogni modo non m'impedisce di seguire, seppur senza diretta partecipazione, determinati eventi, come il grande corteo che si è snodato per le vie di Locri, patrocinato da Don Ciotti e dall'associazione Libera, allo scopo di commemorare le vittime di mafia.

La Locri di Libera e lo scivolone di Don Ciotti
La Locri di Libera e lo scivolone di Don Ciotti

La manifestazione mi lascia dubbiosa e per la forte implicazione mediatica che al contrario di quanto si possa ben sperare, serve ad accendere i riflettori su uno spicciolo protagonismo teso a scavalcare la finalità morale ispiratrice dell'iniziativa, e per via degli slogan roboanti come l'arcinoto ammazzateci tutti, che oltre a suscitare risentimento e indisponenza nella controparte mafiosa, servono a ben poco. Il sensazionalismo efferato presente dietro tali manifestazioni a mio avviso smorza e non fomenta gli interrogativi delle coscienze individuali e di massa, a favore invece di un clima che oserei definire festaiolo. La tragicità delle motivazioni di sostegno a questi grandi eventi viene offuscata, per non dire tradita, da uno spirito comunitario capace solo di alimentare confusione.

Il dubbio che queste grosse manifestazioni sottendessero scopi propagandistici è venuto alla ribalta con l'ultimo evento di Libera, grazie proprio all'intervista rilasciata da Don Ciotti. Costui non si è trattenuto affatto dal menzionare con accento accusatorio la Massoneria, quale ricettacolo di individui pericolosi. Tale affermazione non è passata inosservata a Stefano Bisi, Gran Maestro del GOI, il quale tramite lettera ha esternato con amarezza e altresi eleganza il suo disappunto, soffermandosi a delineare il vero volto della Massoneria, ben al di là delle fuorvianti quanto ingannevoli generalizzazioni.

Che i rapporti tra Massoneria e Chiesa dal principio fossero tesi e nebulosi non è piu un mistero. Pertanto, l'omissione dell'aggettivo deviata induce a sospettare che non sia da attribuire a una semplice e puerile dimenticanza, ma nasconda l'intenzione di colpire un'organizzazione che, nonostante le varie accuse mosse da più parti, si è resa proclamatrice di valori inconfutabili sui quali l'Illuminismo ha impiantato la sua battaglia etico sociale. Purtroppo, ahimé, l'Illuminismo non ha attecchito ovunque ed è stato fortemente frainteso e contrastato per i suoi principi laici proprio dalle istituzioni ecclesiastiche, in quei territori per giunta dal consolidato impianto sociale basato ancora sullo scambio di servigi e su una mentalità di stampo feudale. Mi chiedo allora, se sia lecito oppure no, screditare un'organizzazione, quella Massonica nello specifico, in un contesto, quello calabrese e ancor più della Locride, in cui l'Illuminismo è stato per ovvie ragioni avversato.

Mi sorge allora il dubbio che forse le responsabilità di un territorio martoriato e vessato dalla criminalità organizzata siano altrove, in quella massoneria che Gratteri, e non solo lui, definisce deviata e che di Massoneria non ha proprio un bel nulla. Allora e concludo, l'omissione dell'aggettivo deviata potrebbe servire proprio ad alimentare un clima di tensione in un territorio che, invece di clamore e striscioni, avrebbe bisogno di ordine, di un ordine puro, a immagine e somiglianza di quella legalità troppo spesso e falsamente reclamata, e di fatto mai rispettata.











Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2