I tempi che sono
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

I tempi che sono

I tempi che sono

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nessuno pensa a chi è solo. Tutti hanno una famiglia su cui concentrarsi, in questi giorni di emergenza. Tutti hanno il ricordo di un amore vissuto pienamente o stanco di sforzi e i figli e i nipoti da accudire. Tutti hanno un padre o una madre in casa tornati pargoli, dai quali ricevere compagnia. 

Heinrich Wilhelm Tischbein, Augusta Reuss-Ebersdorf nei panni di Artemisia, 1775
Heinrich Wilhelm Tischbein, Augusta Reuss-Ebersdorf nei panni di Artemisia, 1775

 

Ma c'è , ci sono altre realtà alle quali questa società non guarda e per le quali anche il neon del bar a tarda notte può essere un sogno che ancora vibra dentro. La fiammella di una candela ardente.

 

I tempi che sono

Avevamo sogni e desideri
non ancora ingialliti,
non ancora echi.
Siamo stati piantati
sulla terra
per creare pascoli di gioia e avvenire, 
non per guardare dai vetri la vita
in secca.
Poi è venuto il tempo
del deserto,
dei fiumi gonfi di lacrime
versate per chi non riusciamo a stringere.
È il tempo questo,
del veleno,
della contrazione degli spiriti
e di un alfabeto tutto da inventare
sulla base della distanza
che coltiva i fiori
della solitudine
e il germoglio
di un arcobaleno tutto da sbiadire.
È il tempo delle lettere
senza un destinatario scritto
perché evanescenti restano i volti
e i sorrisi macchiati di solitudine
di chi aspetta a una scrivania.

Io ti cerco e ti penso,
nonostante tutto,
perché sei il brivido
che mi dà vita,
nell'anima mia che tarda a farsi silenzio.

A un scrivania
e al buio che avanza
di giorni senza giorno,
a te dedico la mia vastità.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.