Ti lascio andare
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Ti lascio andare

Ti lascio andare

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Siamo sorretti dal destino delle cose, che noi a nostra volta sorreggiamo con dita fragili.

Dante Gabriel Rossetti - Beata Beatrix 1864-1870
Dante Gabriel Rossetti - Beata Beatrix 1864-1870

 

Ti lascio andare

Ogni spina ha il suo nome.
Un nome tra tanti nomi
spazzati via dal vento
come foglie cadute.
Nomi piegati
da curve improvvise.
Dimenticare non è forse
come morire?
Si dimentica chi muore nel ricordo,
chi si stacca dal cuore
portandosi via una parte di noi.
Si dimentica e si muore,
e si uccide
per dimenticare.
Non si dimentica agendo sul cuore,
e la macchia
di chi viene cancellato,
è un livido sull'anima
che non guarirà mai.

Ti lascio andare
perché non voglio dimenticarti,
o abbandonarti all'aria che nulla trattiene
se non nell'attimo
di una folata improvvisa.
Ti lascio andare
perché sei una spina
conficcata nel cuore,
in questa sera di novembre
avvolta dalla nebbia
che imprigiona
diventando una casa stretta
su alcun viale
da cui guardare
il Natale che si avvicina.
Senza davanzali
da cui sognare
albe e domani.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.