Nella danza del vento
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nella danza del vento

Nella danza del vento

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Associamo il vento al cattivo umore e al maltempo, ma a volte rivela quel lato giocoso con cui la vita senza preavviso e all'improvviso, vuol da noi farsi perdonare dolori e delusioni.

Lara Briz - Paris Notre Dame on a Windy Day
Lara Briz - Paris Notre Dame on a Windy Day

 

Nella danza del vento

È strano come il vento
ci trascini nel bel mezzo di un pianto
a scoprire il lato giocoso
della vita che
ci vuole salvi da lei
e dal suo accanimento maligno,
facendo fiorire improvviso
il raggio di un sorriso.
Ed ecco lo sgambetto del vento
trasforma un uomo serio e robusto
in un ballerino provetto
che fa piroette su se stesso.
È solo ma è come se danzasse
con l'altro sesso.
Il marciapiede di punto in bianco
diviene pista di un improvviso tango.
È nobile sorridere alla mamma
che con una mano trattiene l'ombrello
e con l'altra il figlio monello.
La giornata grigia si riveste a festa
mentre la bionda spettinata a un anziano
col ciuffo di capelli
fa perdere la testa.
Il vento miserabile e iracondo
a tutti fa fare un allegro girotondo.
Scompiglia la natura e noi nel mezzo
facendo alla giornata perdere il suo pezzo
triste e noioso, invitandoci
a uno sbuffo giocoso.
Dura poco e la pace ritorna
con il suo ordine che come sempre
mette fretta
di andare a sbrigare le cose
e a lavorare.
Il quadro si assottiglia
e l'albero la sua forma ripiglia.
Del trambusto passato
che resta?
Solo un ricordo
del riso sgangherato
per alleggerire ancora
il dovere che sfiora e s'impone
mentre la giornata va avanti
con l'alterigia del padrone
e la vita pure,
ricordandoci che il riso e la gioia
alle pene e al dolore sono
sue amorevoli cure.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.