Il mio porto sicuro
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il mio porto sicuro

Il mio porto sicuro

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Che cos'è la vita se non una prospettiva che si dispiega dalla lacerazione? È rottura con quel tutt'uno che siamo stati, da quel tutt'uno da cui nel presente siamo diversi e a cui aneliamo apparentemente snaturati tra le pieghe inspiegabili del tempo. 

Opera di Nicoletta Tomas Caravia 
Opera di Nicoletta Tomas Caravia

Alla lacerazione che crea la vita si contrappone la ricomposizione della dolcezza, un sentimento di amalgama che stende un velo di soavità laddove la lacerazione ha prodotto la scissione. Per cui, ciò che eravamo è sogno disgiunto. E proprio il dolore che ci fa sentire persi e sull'orlo dell'abisso che spegne ogni cosa, all'origine è il passaggio attraverso la soglia dell'esistenza. Il dolore è la causa e il mezzo per cui prendiamo coscienza di noi e del vuoto da riempire con le azioni. Vuoto che ci separa dall'origine e dall'apeiron iniziale. È il dolore perdita e motivo di ritrovamento. La dolcezza è il sorriso che ci ricompone e che ci fa dire che la vita, tutto sommato, è degna di essere vissuta.

 

Il mio porto sicuro

Sciogliere e ricucire.
Ciò che l'amarezza fa,
la dolcezza cura e guarisce.
Se la dolcezza fluidifica
e rende la roccia miele,
altresì ricompone e rinvigorisce
la casa in bilico sulla forra.
La dolcezza è mistero antico,
è la poesia che riporta gli uomini bimbi
e gli eroi folletti felici.
Sa essere leggera
e mitiga come
il sorriso dei girasoli in un campo di spighe.
Ondeggiano.
Io seduta sulle tue gambe.
La tua voce mi riporta all'infanzia.
E tu, mio uomo,
sei padre e madre e mi culli sulle ginocchia,
come la luna alta di primavera
che dondola nel buio le stelle,
e conduce il firmamento nella notte
che imbeve le guance nel sonno.
Tu, beata falce,
sei la prua della traversata.
Sei la ninna nanna del porto sicuro,
e le braccia poderose che mi cingono,
l'ancora di ogni salvezza.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.