Alla fine del viaggio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Alla fine del viaggio

Alla fine del viaggio

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ogni stella è un doppio. Il suo corpo e la sua luce. Un binomio eterno che esiste da sempre e ci raggiunge da lontano. Ogni luce è un richiamo . È il filo dei nostri sogni che dimorano nell'ombra e ci fa pescare il nostro tesoro dal profondo oceano della notte.

Tonino Ricci - Ragazza vestita di bianco
Tonino Ricci - Ragazza vestita di bianco



Ogni stella è un due che diviene quattro e brilla per essere vista da qualcuno che ha un desiderio in petto. Brilla per se stessa e per qualcun altro nella notte che è per i solitari, i soli che sanno amare. Ogni stella è un sole e un sogno e la luce è l'amo del cuore di qualcuno. La notte è il sentiero e la stella la meta. Una luce che è alba e tramonto della lunga attesa.



Alla fine del viaggio

Nelle stanze segrete ti ho incontrato.
Il corpo latteo
e un velo giù dal capo.
Io.
Sono una sposa che ha viaggiato tanto
e che cerca la luminosità di una stella.
Proprio lei la sola,
una luce mai bugiarda e timida
che guarda e chiama
dagli arcipelaghi del cielo.
L'ho individuata
e mi ha condotta qui.
In questo punto del viaggio.
Percorro il corridoio
e poi mi fermo.
La finestra
flette il suo bagliore,
un ramo antico che splende
senza fiori.

È timida e soffusa la luce della mia stella,
come il sorriso di certe anime
che hanno sofferto tanto, e
so che qui approderai.
Ti sento avvicinare
e sotto questa finestra resto a guardare.
Senza voltarmi ad aspettare.
È così che si fa
con la realtà che vuole sorprendere.
E non mi tirerò indietro.
Ho questo.
Un fiore ormai appassito
e sogni di tante stagioni addietro.
Ho questo.
La mia dote.
E un respiro fioco
di candela
che non scompagina i sogni
e ha il fiato caldo,
solitario.
Il tuo.
Ti attendo e sei alle mie spalle.
Il velo freme
e mi cade sul cuore
che mai più rimarrà scoperto.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.