Mentre il cielo cade
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Mentre il cielo cade

Night 1909 Gaetano Previati (1852-1920)

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il buio della notte è fatto per consentire a coloro che si amano di ritrovarsi. Gli amanti si appartengono nella fusione dei loro respiri che fanno ritrovare la propria casa a coloro che si ritrovano l'uno tra le braccia dell'altra. Quelli che amano e si amano essendo amati, non sono come la tradizione popolare vorrebbe, gli adulteri. Gli amanti sono coloro che sanno perdonare perché il loro amore straborda dalla coppa del cuore e offre riparo al mondo triste e solo, affamato d'amore.

Night 1909 Gaetano Previati (1852-1920)
Night 1909 Gaetano Previati (1852-1920)


Mentre il cielo cade

Quando il giorno giunge alla fine,
si spegne e
subentra il vuoto nel mondo,
tra cori di stelle e tamburi lontani.
Si smorza il fiato azzurro del cielo e
tu compari in fondo alla via
e mi tendi la mano.
Il silenzio incombe e fa rumore.
Stordisce gli altrui richiami,
avvicinando noi
nella pressione della distanza.
Siamo insieme
nella voragine del mare
e ci nutriamo del reciproco respiro
che lascia salata la lingua degli altri,
ma a noi regala
poesia e attimi di dolcezza.
È bello così.
Saziarsi da vicino
mentre l'alba si leva nei cieli
e sfuma i nostri volti
che tornano all'indifferenza del mondo.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.