Come alberi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Come alberi

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Antonio Gigante - Il tempo
Antonio Gigante - Il tempo


Gli alberi sono il destino della nuova umanità rigenerata. Raccolgono esperienza e saggezza e se ne fanno testimonianza visiva. Hanno un'anima bianca che è la loro sostanza interiore: la linfa, che traspare salmone stesso. Gli alberi sono espressione del dinamico muoversi verso la luce ma anche del submanto del terreno che li nutre e in quanto tali, sono rappresentazione vivente dell'universo umano.

La frenesia moderna e consumistica ci ha distratti dai messaggi che trasmette alla nostra psiche l'albero che contempliamo solo per il suo apparire slanciamento verso il cielo. In realtà, tutto avviene sotto e dentro di loro. Sono difatti laboratori viventi che seguono meccanismi similari al nostro. Gli alberi comunicano col terreno e con le altre forme viventi e archetipicamente ritornano nelle fiabe d'infanzia come di sostegno ad altre forme viventi che da loro traggono sostentamento e in loro trovano ospitalità.

Gli alberi non comunicano solo tramite i rami, ma ad iniziare dalle radici che spesso incontrano e intrecciano altri loro simili, sostenendosi vicendevolmente e trattenendo il terreno che altrimenti cederebbe. Tutto nella logica di un magico equilibrio che dovrebbe essere riconosciuto e rispettato anche dall'uomo. Ciò che è giusto per il soggetto e per i suoi simili lo è per tutto e anche per il territorio, per il pianeta e il Cosmo tutto, perché ogni cosa nasce dell'invisibile per svilupparsi in estensione e in altezza nel mondo visibile.

Siamo governati dell'invisibile che regna innanzitutto dentro di noi ed è il fulcro intorno a cui ruota la nostra pienezza.

 

Come alberi

Sarò io la tua nuova casa.
L'amore cos'è
se non il reciproco trasferimento
dell'uno nell'alveo delle radici dell'altra ?
Siamo alberi
in tensione verso la luce
che per me è il cuore tuo
che mai mi abbandona.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.