Nella lunga attesa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nella lunga attesa

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Silvia Melcarne - La lunga attesa di biancaneve
Silvia Melcarne - La lunga attesa di biancaneve

 

Aspettiamo chi è già dentro di noi e ci porta a seguirlo e a coglierlo nei legami che percorrono il mondo. È l'apice l'amato, il sovrano di tutto e tutto sembra da lui discendere. È Dio che trova il suo luogo nel mondo e noi gli spalanchiamo la porta di casa.
La sacralità dell'amore è in questo. Nell'inafferrabile volto che vorremmo tra le mani, nell'avverarsi di un desiderio che resta sempre incolmabile. Perché nella forma e nella sua vicinanza c'è una distanza assoluta che regna tra ogni infinitesimale particella della materia fisica. L'amore vede e gode di quella forza che attrae ed è centripeta e sostiene i corpi dello spazio. È invisibile e sostiene il visibile con estrema leggerezza e tatto ed eleganza. È il Santuario di Dio che contiene i corpi di qualsiasi consistenza essi siano. L'amore umano è sentire Dio nel mondo e l'impossibilità di averlo accanto per come vorremmo. L'amato è la logica che spinge ogni aspirazione. È carnale mutamento che guizza nel lago del tempo per imprimersi negli occhi di colei che ama senza coglierne gli anfratti dolenti. Il dolore di chi ama è il non poterci essere sempre in quell'incontro bellissimo e fisico che è l'amore e che solo chi usa gli strumenti della pittura e li adopera col cuore conosce, perché capace di donare ad esso fisicità nella fuggevolezza struggente.
 
 
Nella lunga attesa
 
Ti sento mio nella carezza del giorno
che si dilegua in lontananza.
Ti avverto e ci sei
nel pettine che ricompone i miei capelli.
Sei il richiamo di una madre tra le case,
il tremolio della foglia alla brezza
che cambia sul far del giorno.
Nel gatto che fa capolino da un angolo nascosto e
incrocia nel suo volo una farfalla.
Tu sei nella tenerezza che abbraccia il mondo
e tu, solo tu riempi di significato
ogni mia estenuante attesa.
 
Ippolita Sicoli
 
Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.